Le Veneri capitoline “velate”.

Se vuoi essere rispettato dagli altri prima devi rispettare te stesso. Ma noi che abbiamo scritto la Carta Costituzionale più bella del mondo, che possediamo un patrimonio artistico e naturale che tutti ci invidiano, abbiamo perso la dignità di essere Nazione, l’orgoglio di essere italiani e rinneghiamo la nostra identità arrivando al punto di violentare la Costituzione, di deturpare i nostri tesori e addirittura di "velare" le Veneri capitoline per non turbare la sensibilità di un iraniano infilato in una tunica e con un
asciugamano avvolto in testa temendo che questi, vedendo seni e culi di marmo di duemila anni fa, fosse preso da uno sturbo tale da stracciare i contratti milionari con le nostre aziende. Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello! Siamo un popolo servile, senza dignità, che fa di tutto per compiacere il potente di turno per poi fotterlo non appena gira i tacchi. Siamo il Paese di Pulcinella.

24 commenti:

  1. Dà fastidio il crocifisso? Guardassero altrove. Dà fastidio la patatina marmorea della Venere o gli attributi bronzei della Statua equestre di Marco Aurelio? Andassero altrove. Facessero altrove la farsa. Che so, in Villa Borghese tra i mezzi busti.

    RispondiElimina
  2. Ritorno al medioevo o giù di lì, a quando per pudore venivano fatti ricoprire i nudi della Cappella Sistina

    RispondiElimina
  3. Togliete la biada al cavallo bronzeo di Marco Aurelio: c'è il ramadan!

    RispondiElimina
  4. Impacchettate Renzi e tutta la bislacca corte e spediteli in Iran a fare un corso di tolleranza e rispetto delle culture altrui, vedranno quanto sarà più facile chiudere accordi commerciali, chinare il capo e sottostare a leggi morali, etiche e giuridiche ferree.

    RispondiElimina
  5. Uno stupido servilismo, un’inutile prostrazione. Nascondersi, la parola d’ordine del regime è nascondersi. Nascondere le origini in nome del rispetto, nascondere il proprio credo in nome della tolleranza. Nascondere l’arte dietro a pannelli di plastica. Una mutilazione, un aborto; guardare quella freddezza impacchettata, quei pannelli, annichilisce, roba da star male, sconcertati davanti allo schermo.

    RispondiElimina
  6. I geni del cerimoniale che hanno inscatolato quattro statue peraltro velate del museo Capitolino nel timore che, vedendole, il presidente iraniano Rohani avesse uno sgomento ormonale e stracciasse i contratti con le nostre aziende sono i degni eredi di un certo modo di essere italiani: senza dignità.

    RispondiElimina
  7. Se un’italiana va in Iran, si copre giustamente la testa. Se un iraniano viene in Italia, gli copriamo ingiustamente le statue. In un modo o nell’altro - in un mondo e nell’altro - a coprirci siamo sempre noi. E la suscettibilità da non urtare è sempre la loro.

    RispondiElimina
  8. Ma se la presenza di donne sigillate da capo a piedi su un vialone di Baghdad urtasse la mia, di suscettibilità? Non credo che, per rispetto nei miei confronti, gli ayatollah consentirebbero loro di mettersi la minigonna.

    RispondiElimina
  9. Servi: facciamo i tedeschi con i tedeschi, gli iraniani con gli iraniani e gli esquimesi con gli esquimesi. popolo di m....

    RispondiElimina
  10. E tutto solo per il petrolio.

    RispondiElimina
  11. Così come voi cristiani volete far coprirei i gay quando sfilano per la loro identità... gli estremismi religiosi si assomigliano

    RispondiElimina
  12. L'Italia vorrebbe essere una escort di lusso. Invece si svende e vende i suoi figli che nemmeno lo chiedono.

    RispondiElimina
  13. vittorio s.27 gennaio, 2016

    Le ridicole ragioni esibite dal cerimoniale per giustificare la copertura di antiche statue romane ai musei capitolini indicano uno stato di soggezione indegno di un paese libero.

    RispondiElimina
  14. "Ma è così difficile essere un popolo normale, in un paese normale?". Evidentemente si. Come fanno gli italiani, così litigiosi, aggressivi e spesso violenti tra di loro, ad essere così servili, vili e privi di dignità nei confronti degli altri? E' vero, la storia ci descrive molto bene, purtroppo, ma la colpa principale è di chi ci rappresenta che, in ogni sua azione, non può fare a meno di farci vergognare sempre di più davanti al resto del mondo.

    RispondiElimina
  15. Siamo famosi nel mondo per essere delle pecore e quindi cosa c'è di male ad appecoronarsi davanti all'ayatollà che è venuto accà!

    RispondiElimina
  16. Quando una persona, chiunque sia, viene nel mio paese si adegua ai miei usi costumi e leggi. Quando io vado nel suo mi adeguo, altrimenti me ne sto a casa. Renzi sei un calabraghe, un emerito incapace di farci rispettare anche nelle piu' piccole cose, sai dire solo bla, bla, bla e i risultati si vedono. Che figura di merda davanti ai noi cittadini e a tutta l'Europa. Hai dimostrato quello che sei: una nullità.

    RispondiElimina
  17. Lo squallore nel gesto di copertura di nudi d'arte di questo governo abusivo e'solo paragonabile alla distruzione ad opera dei talebani del Buddha di Bamiyan. Va bene che i sinistri sono avvezzi a nascondere le loro malefatte ma coprire opere d'arte come gesto di sudditanza all'islam è l'apice dell'idiozia . Capre capre capre...

    RispondiElimina
  18. Quando uno è servo, è servo sempre, e con chiunque!

    RispondiElimina
  19. Ma vi ricordate di Gheddafi come fu accolto dall'amico Silvio a Roma? E allora che diavolo volete: siamo italiani popolo di magna e bevi, inutile pretendere di più!

    RispondiElimina
  20. L'unica cosa che il bischero toscano dovrebbe coprire é il suo personalissimo archivio delle brutte figure nazionali e internazionali!

    RispondiElimina
  21. Le Veneri Capitoline Velate. Secca smentita a chi pensava che 'Italia avesse toccato il fondo. E non finisce mica qui. Il peggio deve ancora venire.

    RispondiElimina
  22. Se il governo Monti ha rimandato i 2 Marò in India preoccupato più per i problemi che si potevano creare con la dichiarazione di giuristizione che non per la sicurezza dei nostri militari, anche il governo Renzi ha fatto una figuraccia facendo coprire i nudi "statue" nei musei di Roma, umiliando la nostra storia, per evitare di disturbare la sensibilità di un ospite cioè Rohani presidente di un regime "Iran" che detiene il record mondiale di esecuzioni capitali. Siamo dei cagoni senza attributi....senza più anima senza identità, schiavi di noi stessi e servi di uno Stato latitante.

    RispondiElimina
  23. Una comica!!! Non oso pensare se fosse successo all'altra parte politica : un massacro di polemiche!! Questo è un atto di sottomissione verso questa gente, al pari dell'eliminazione del crocifisso e del presepe E' la fine delle nostre tradizioni!

    RispondiElimina
  24. Hanno coperto le opere d'arte e hanno coperto l'Italia di vergogna.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)