lunedì 15 febbraio 2016

Deroga al vincolo di mandato. Di Battista candidato Sindaco a Roma.

di Maria Pia Caporuscio. Caro Beppe Grillo, visto che non c’è più limite alla spudoratezza, visto fino a che punto si è spinto questo governo, non si può più agire come fatto finora. Qui occorre prendere in mano la situazione e porre un freno a questa corsa verso la morte civile. Non basta più
la nostra “non violenza”, non serve la coerenza, la fedeltà al mandato, qui non c’è più tempo da perdere, è necessario salvare questo Paese, e lo dimostreremo agli italiani salvando la loro Capitale dalla malavita e allo stesso modo salveremo l’intero Paese. Chi parla caro Bebbe, lo sai bene anche tu, è una persona che implorava la nascita di un arca per salvare gli italiani dall’estinzione, un movimento, un partito, qualsiasi cosa per combattere contro i nemici del Paese. Ora non ci possiamo più permettere il lusso di mantenere il punto, qui si tratta di vita o di morte e in questo caso salvare la vita di chi sta affogando è la cosa più giusta da fare. Di Battista deve diventare sindaco di Roma! Lo si deve a chi ancora crede che un mondo diverso è possibile, lo si deve a chi ha perduto la speranza. Bisogna dimostrare alla nazione intera che siamo più che capaci di governare non solo la Capitale d'Italia, ma l’Italia tutta. Se per davvero vogliamo che l’onestà torni di moda, dobbiamo farlo dando la possibilità ai romani di eleggere Alessandro Di Battista come Sindaco. Solo così potremo sbarazzarci dei venditori di fumo, dimostrando cos'è veramente il Movimento 5 Stelle, altrimenti finiremo anche noi per essere solo chiacchiere e distintivo.

1 commento:

  1. A Roma sembra che l'unico veramente intenzionato a vincere le elezioni sia Alfio Marchini, tutti gli altri con candidati improponibili o addirittura ancora mancanti come i 5stelle, sembrano nonv olerlo!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)