Statali: pensione anticipata col part-time senza penalizzazioni.

Il decreto Milleproroghe, recentemente convertito in legge, prevede anche per i dipendenti pubblici, finora esclusi dalla precedente normativa contenuta nella legge di Stabilità 2016, la possibilità di chiedere la riduzione dell’orario di lavoro da full-time a part-time negli ultimi 3 anni prima dell’andata in pensione di vecchiaia senza rimetterci un euro dal punto di vista contributivo e previdenziale.
La nuova normativa, al pari dei dipendenti del settore privato, concede agli Statali di ridurre fino al 60% il proprio orario di lavoro con copertura dei contributi figurativi per la parte di retribuzione persa e con il pagamento dei contributi previdenziali (per una percentuale pari al 23-24%) a carico del datore di lavoro per la parte di lavoro non svolta. Per poter usufruire della possibilità di trasformazione in part-time del proprio orario di lavoro le regole e i requisiti dei dipendenti pubblici sono gli stessi dei dipendenti privati. Le condizioni indispensabili per la richiesta del part-time sono quattro:
1. essere titolari di un rapporto di lavoro a tempo pieno;
2. maturare, prima del 31 dicembre 2018, il diritto alla pensione di vecchiaia, raggiungibile a 66 anni e 7 mesi per l’anno in corso;
3. aver raggiunto, al momento della richiesta del part-time, un’età minima di 63 anni e 7 mesi;
4. il periodo del lavoro part-time, in accordo con l’amministrazione di competenza, non dovrà superare i 3 anni.
La riduzione dell’orario di lavoro potrà avvenire per una quota minima del 40% ed una massima del 60%. Tale riduzione verrà compensata con un aumento retributivo pari ai contributi previdenziali per la parte di lavoro non effettuata. Questo importo, è bene precisarlo, non sarà parte del reddito da lavoro dipendente e non sarà soggetto, a sua volta, all’addebito ulteriore dei contributi previdenziali. Inoltre, per il periodo di lavoro part-time, verranno riconosciuti i contributi figurativi nella stessa misura della parte di lavoro non svolta. Dunque, gli Statali che sceglieranno questa formula di pensionamento anticipato, al pari dei dipendenti privati, matureranno il diritto alla pensione senza alcuna diminuzione per l’assegno pensionistico. In pratica chi accetta il part-time arriva alla pensione senza alcuna conseguenza per l'assegno: è come se avesse lavorato a tempo pieno. Pertanto sarà indifferente continuare a lavorare a tempo pieno o parziale.

5 commenti:

  1. Sempre discriminazioni tra pubblico e privato: adesso resta l'orario di reperibilità per malattia. Privati dalle 10.00 alle 12.00. Pubblici dalle 09.00 alle 13.00

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no rimane anche una ulteriore discriminazione, che è quella che consente solo ai lavoratori del settore privato di andare in pensione al compimento del 64° anno di età se si era in possesso dei requisiti Pre - Fornero alla data del 31/12/2012

      Elimina
  2. Dopo anni di scandali nelle pubbliche amministrazioni, dove i furbetti invece di lavorare timbravano e se ne andavano, dai luoghi di lavoro, per rispetto di tutti i lavoratori onesti, per quelli che cercano lavoro e non lo trovano, scusate ma non sono cattivo solo che oggi chi ha un lavoro e' un "fortunato", dovrebbero essere subito licenziati compresi i dirigenti che sanno e non parlano.

    RispondiElimina
  3. Dividi et Impera: Privato e Pubblico uno contro l'altro, ma alla fine chi ci guadagna sono sempre i padroni!

    RispondiElimina
  4. una legge quella del part- time per gli statali inutile .
    nel mio caso l'amministrazione ha tolto il part time e secondo voi ora lo richiedo?
    ma andate a lavorare che è meglio
    non siete in grado di governare

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)