giovedì 11 febbraio 2016

Unioni civili, il cavallo di Troia della maternità surrogata.

In Europa esistono diverse lobby che tirano i fili dei governi nazionali determinandone in maniera strutturale le politiche economiche e sociali. Va da se che i politici nazionali siano per forza di cose le marionette nelle mani delle lobby. E una delle lobby più potenti d’Europa è senza dubbio quella gay, che sta facendo pressione sul governo italiano per l’approvazione della legge Cirinnà sulle unioni civili che altro non è se non il cavallo di Troia dentro il quale si annida la rivendicazione di poter adottare i bambini.
Anche se il vero fine della lobby gay non sono matrimonio e adozione, ma costruire un mondo che legittimi la sessualità-gay come se fosse procreativa. La legge che prevede l’unione di due persone dello stesso sesso istituisce di fatto, anche se a lungo termine, la maternità surrogata. La lobby gay in Europa ha capito che non occorre più rivendicare il “matrimonio”, che è una parola che fa paura persino agli eterosessuali, ma il termine “unione civile”. Un’unione civile senza figli condurrà all’adozione e dunque all’utero in affitto. Infatti, la Corte europea dei diritti dell’uomo delibererà in questo senso, ogni qual volta una coppia sporgerà querela per discriminazione qualora non le venga riconosciuto il diritto d'adozione. È fondamentale per una coppia dello stesso sesso avere gli stessi diritti sociali di una coppia tradizionale: casa, pensione di reversibilità, servizio sanitario nazionale e quant’altro, ma non i diritti sui bambini. Anche perché non bisogna confondere i diritti dei bambini con i diritti sui bambini. Gli omosessuali sono dei cittadini a pieno titolo ed è importante che abbiano gli stessi diritti di tutti. Ma questi diritti possono essere ugualmente raggiunti attraverso le leggi senza bisogno per questo di mettersi un abito da sposa, avere una fede al dito o chiedere addirittura di avere un bambino! Questa legge è inaccettabile per tutti gli italiani. E qui non c’entra niente la religione, il Papa o il proprio credo politico, ma soltanto il buon senso. Difendere la famiglia e dunque il bambino esige una grande fermezza. La famiglia fa parte integrante del patrimonio mondiale dell’umanità. Ricordiamo ai nostri politici che hanno il dovere di trasmettere alle generazioni future il più prezioso gioiello del patrimonio che l’umanità ci ha trasmesso dalla notte dei tempi: la famiglia! Le regole della natura non vanno stravolte. Si può deviare il corso di un fiume costruendo una diga, ma non si può far partorire un uomo!

3 commenti:

  1. Ma dove stanno i diritti? Mi sembra che si siano persi per strada!

    RispondiElimina
  2. Convinto di essere incinto dopo aver fatto sesso con un altro uomo. Un padre di due figli è stato ricoverato in un ospedale psichiatrico per essersi convinto di aspettare un bambino dopo aver avuto un rapporto omosessuale. Il 52enne indiano avvertiva da giorni forti dolori di stomaco e sosteneva di sentire dei movimenti anomali nel suo ventre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Benny,
      mi spieghi qual è il nesso del tuo commento con la questione del diritto alla genitorialità e alle unioni civili?
      Questo signore indiano soffre di disturbi mentali, poteva anche pensare di essere un fagiano figlio del dio Horus ma non c'entra assolutamente niente con il post.
      Se è per questo c'è gente italianissima che dice di vedere e parlare con dio, io suggerirei il ricovero anche per loro.

      Qui si tratta di discutere di un paese e di tanti cittadini che rifiutano e negano apertamente ad altri cittadini ("colpevoli" di amare una persona dello stesso sesso) i diritti di cui essi godono senza un reale motivo (preciso che nella Costituzione Italiana non c'è scritto che solo i cittadini etero possono godere del diritto al matrimonio e alla genitorialità. Leggere gli articoli 3 e 29 in caso di dubbi).
      Basta arrampicarsi sugli specchi, questo è un paese incivile e deve cambiare.

      Elimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)