lunedì 7 marzo 2016

Carlo Rienzi Sindaco: un programma "lacrime e sangue" per i romani!

Per un Matteo Renzi che a Roma e a Napoli piazza i suoi cavalli-vincenti senza spargere neppure una goccia di sudore e che poi va in onda sull'ammiraglia di Berlusconi a fare la ruota del pavone raccontando al popolino di Domenica Live che la guerra in Libia non è all'ordine del giorno e che le sue riforme hanno cambiato marcia all'Italia, a nostro avviso una retro-marcia funebre, c'è un Carlo Rienzi, storico leader del Codacons e paladino dei consumatori, che scioglie le riserve e annuncia ufficialmente la sua candidatura a sindaco di Roma. "Accogliendo la richiesta giunta dal Codacons
e da numerosi cittadini, e di fronte all’inconsistenza delle candidature del centrodestra e centrosinistra finora avanzate, Rienzi - si legge in una nota dell’associazione – ha deciso di correre da protagonista alle prossime elezioni comunali nella capitale, presentando un programma che si annuncia ‘lacrime e sangue’ prima di tutto per gli stessi cittadini romani". "Se si vuole cambiare la città, occorre cambiare prima di tutto i cittadini - spiega il Presidente Carlo Rienzi - Accanto ai problemi noti della corruzione, del malaffare, e di tutto ciò che non funziona a livello amministrativo, politico e gestionale nella capitale, si pongono i comportamenti sbagliati degli stessi abitanti, abitudini che contribuiscono a rovinare il decoro della città e alimentare disagi e disservizi con ripercussioni per l’intera collettività. Occorre partire da questi atteggiamenti errati per ridare dignità a Roma e migliorare i servizi per tutti". Tra i punti del programma di Rienzi, "la lotta serrata al parcheggio in doppia fila e alla sosta selvaggia, con telecamere intelligenti che multeranno i trasgressori; ingresso al centro storico a pedaggio, con gli automobilisti che dovranno pagare un ticket se vorranno entrare in centro con la propria vettura; trasporto pubblico gratuito tra le ore 8 e le ore 9, e dalle 17 alle 18, per spingere i romani ad utilizzare bus e metro, potenziati grazie alle multe e ai pedaggi di ingresso in città". "Lanciamo oggi la sfida ai cittadini - afferma Carlo Rienzi - e vogliamo vedere in quanti decideranno di impegnarsi in prima persona per risolvere le tante criticità della capitale. Chiediamo ai romani di offrire il loro contributo, inviandoci idee, suggerimenti, critiche e proposte e, per chi lo vorrà, anche candidature, scrivendoci all’indirizzo codacons@rienzixroma.it".

3 commenti:

  1. Marco Lodoli07 marzo, 2016

    Pop-politica, se vogliamo battezzarla così, col rischio di avviare giochi di parole poco profumati: fatto sta che Renzi e Salvini si sono presentati al popolo televisivo nazional-popolare sbarcando da Barbara D’Urso e da Maria De Filippi. D’altronde conoscono bene i loro polli, ruspanti o d’allevamento, sanno che per conquistare fiducia e applausi devono parlare alla pancia dell’Italia, agli spettatori più che agli elettori, alle nonne, alle zie, ai diciottenni che non leggono mai un libro o un giornale.

    Le trasmissioni dichiaratamente votate all’informazione e al dibattito politici perdono colpi e audience, e poi sono sempre arene nelle quali il toro può incornare il torero: ci si può scontrare contro una domanda aguzza, contro una carica furibonda di critiche, contro una bufera di numeri negativi. Meglio girare al largo, meglio fare una bella figura là dove non è prevista grandine. Renzi e Salvini, non dimentichiamocelo, sono stati campioncini di quiz televisivi in epoche lontane, già allora se la cavavano benissimo sotto i riflettori e le battutine innocue dei conduttori: erano giovanissimi e già scafati, come si dice a Roma, cioè mille miglia lontani da ogni imbarazzo. Ora evidentemente hanno capito di dover far breccia tra le macerie dell’astensionismo e dell’indifferenza cronica, in un mondo distrattissimo che mette la politica all’ultimo posto dei suoi interessi. La D’Urso e la De Filippo sono le vestali del tempio del qualunquismo felice. La loro specialità sono le emozioni a buon mercato, quel sentimentalismo primitivo che piace tanto al popolo del telecomando.

    I ragionamenti troppo complessi sono banditi, costringono a pensare e dunque ammosciano i programmi. Servono i personaggi, vale a dire le storie semplici, dirette, coinvolgenti, serve surriscaldare il cuore fino a farlo bollire e grondare. E Renzi e Salvini sono sicuramente due fuoriclasse della comunicazione immediata: il primo fa leva sulla speranza, il secondo sulla disperazione, due sentimenti opposti ma ugualmente vincenti. Sono rapidi, assertivi, passionali, sono perfetti per i telespettatori delle due principesse bionde. E’ la vittoria definitiva della “narrazione”, per usare un termine che va molto di moda, ovverosia di una politica che diventa racconto seduttivo, fiction popolare. Si “narra” come le scuole di scrittura odierne insegnano, badando a tenere sempre alta la tensione, agganciando i capitoli in modo da conquistare chi legge o chi ascolta. Ogni pausa, ogni riflessione, ogni dubbio annoiano e basta. Bisogna spingere il racconto verso un finale convincente: l’Italia resuscitata, per Renzi, l’Italia distrutta e invasa, per Salvini.

    Già Berlusconi aveva saputo usare il salottino di Vespa come una cassa di risonanza eccezionale, ma Renzi e Salvini vanno oltre, scavalcando con un salto generazionale la noia di Vespa. Sanno bene che il confine tra la vittoria e la sconfitta è veramente sfumato, che molto dipende da come si riesce a indirizzare l’emotività collettiva. Chi è bravo a leggere i numeri dell’economia? Chi può capire se lo 0,8 di crescita è un numero buono o miserevole, se lo spread basso ci farà uscire dal buco o il buco del debito è troppo profondo? Pochi, pochissimi, quasi nessuno. Però milioni di persone sanno apprezzare una bella battuta, un sorriso o una smorfia piazzati al momento giusto, un racconto che fila bene. Per questo la D’Urso e la De Filippi funzionano alla grande, sono le spalle ideali per ogni scintillante monologo, sono le garanti ufficiali della cultura pop. Magari a Ballarò si prende una legnata, ma dalla D’Urso e dalla De Filippi si esce sempre vincitori, come in una partita di beneficenza trasmessa in prima serata, dove ciò che conta è solo lo spettacolo.

    RispondiElimina
  2. FloPrimarie dem07 marzo, 2016

    le consultazioni democratiche nella Capitale hanno registrato un crollo dell'affluenza, 43.000 votanti contro i 100.000 del 2013!

    RispondiElimina
  3. Un volto nuovo. Una persona onesta. Sempre dalla parte giusta, quella dei consumatori. Mi piace. Io lo voto!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)