Insonnia: ecco i 10 cibi da evitare prima di andare a letto.

Soffri d'insonnia? Potrebbe essere colpa degli alimenti consumati la sera prima di andare a letto. E allora, per arginare il rischio di una nottata da incubo, ecco una lista di 10 alimenti da evitare assolutamente, o quasi, prima di andare a dormire.
1) Addio carne rossa: la bistecca è infatti fonte di tirosina, aminoacido che aumenta la produzione dell'adrenalina,
l'ormone stimolante che blocca il sonno;
2) Verdure sì, ma con molta moderazione: la grande quantità di fibra presente nelle verdure aumenta infatti i tempi della digestione;
3) Astenersi dagli snack salati: il glutammato monosodico, esaltatore di sapidità, porta sonni agitati;
4) Gelati alle creme: buoni sono buoni, ma anche ricchi di zuccheri e grassi che danneggiano il riposo rallentando la digestione;
5) Niente pizza surgelata: ma se proprio non si può evitare, almeno dite 'no' a quelle troppo ricche di condimenti e accontentatevi di una semplice marinara;
6) Dire 'no' ai corn flakes: troppi zuccheri e carboidrati appesantiscono l'apparato digerente;
7) Attenti al cioccolato: fonte di caffeina, disturba il sonno e di sera andrebbe consumato in piccolissime quantità;
8) Zero brindisi e ammazzacaffè: l'alcol interferisce con il sonno, anche sotto forma di un delizioso limoncello;
9) No al piccante: carboidrati, calorie e stimolanti delle terminazioni nervose presenti nel peperoncino non vanno d'accordo con il vostro bisogno di dormire;
10) Il sale è amico della sete: svegliarsi durante la notte per bere un bicchiere d'acqua interrompe il riposo. Evitatelo quindi nei pasti serali e, se potete, sostituitelo insaporendo le pietanze con delle erbe.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)