La Rassegnazione.

Ormai siamo diventati un popolo di rassegnati al meno peggio. Ci fanno di tutto e di più e noi stiamo lì all’angolo del ring ad incassare colpo su colpo, fino a diventare scemi! Andiamo a votare, se, come e quando ce lo consentono e lo facciamo rassegnati a votare il meno peggio. Li vediamo che continuano a rubare, a corrompere e a delinquere come e più di prima e li lasciamo fare. Ci riempiono di tasse e continuiamo a pagare. Ci pagano il nostro lavoro quattro soldi e ci mandano in pensione, senza pensione, a 70anni e stiamo zitti e buoni.
Ci avvelenano la terra, l’aria, il mare, il cibo, la vita e non muoviamo un dito. Adesso ci vogliono far credere persino che è normale, che è naturale, prendere in affitto un utero, che è normale, che è naturale, che due maschi omosessuali concepiscano un figlio. Ci vorrebbero far credere che Gesù Cristo è morto di freddo. E noi normali, tra virgolette, incassiamo pure questo. Siamo rassegnati ad un mondo alla rovescia, ma loro no. Loro vanno avanti per la loro strada come un rullo compressore, asfaltando tutto ciò che gli si para contro, poco e nessuno a dire il vero. Il rischio che corriamo noi persone “normali” è quello di diventare minoranza di un modo di vivere in cui è tutto contro-natura e che alla fine vede noi normali soccombere al ruolo di anormali. Che tristezza, infinita.

2 commenti:

  1. avviliti, depressi e rassegnati ad adeguarci: si salvi chi può!

    RispondiElimina
  2. Stanno favorendo una rabbia che presto o tardi scoppierà e non darà loro scampo altro che rassegnazione...

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)