martedì 17 maggio 2016

Contratti bloccati. Ma possibile che gli stipendi aumentano solo alla Camera e al Senato?

Per le pensioni e gli stipendi dei cittadini italiani, almeno per quelli di Serie B i soldi non ci sono e tutto è rimasto bloccato al tempo in cui si passò rovinosamente dalla Lira all’Euro dimezzando, di fatto, il potere d’acquisto di lavoratori dipendenti e pensionati. Poi ci sono i cittadini di Serie A, quelli per i quali i diritti sono sempre acquisiti e gli stipendi sono sempre più d’oro. Capita così che a fronte del blocco dei rinnovi contrattuali per milioni di lavoratori di Serie B, gli stipendi dei lavoratori di Serie A, i dipendenti di Camera e Senato,
potrebbero aumentare presto. Così il segretario generale (il grado più alto dell’amministrazione) otterrà 2.200 euro netti al mese di aumento, un capo servizio quasi 1.200 euro, un coordinatore di unità operativa di V livello 441 euro, un interprete-traduttore 378 euro, fino ad arrivare ai più “poveri”, gli addetti alle segreterie del presidente, dei membri dell’ufficio di presidenza e del segretario generale che avranno un aumento di indennità di funzione pari a quasi 160 euro netti al mese. E questo nonostante il fatto che gli stipendi dei dipendenti di Camera e Senato sono rimasti piuttosto alti. Con venti anni di servizio, ad esempio, un documentarista porta a casa più di 150 mila euro all’anno o un collaboratore tecnico oltre 100 mila. Dopo dieci anni di anzianità i compensi oscillano tra i 50 e i 144 mila euro lordi all’anno. Con le nuove indennità gli stipendi saliranno ancora. I nuovi aumenti peseranno sulle casse parlamentari per quasi un milione e mezzo di euro l'anno. Si passerà dagli attuali 2.142.291,63 euro a 3.404.008,63. Insomma, per chi gli pare i soldi ci sono e sono pure tanti. Invece, per tutti gli altri lavoratori è una lotta per non retrocedere dalla Serie B a quella immediatamente inferiore e dovranno accontentarsi di restare in panchina a guardare gli aumenti di stipendio della casta!

10 commenti:

  1. è l'esempio di responsabilità della nostra classe politica nei confronti della gente che lavora a stipendio bloccato e quelli che hanno perso il lavoro e hanno una famiglia a carico.
    non ho altre parole o meglio....

    RispondiElimina
  2. piove sempre sul bagnano e noi? noi restiamo a secco è normale, specie se nessuno di noi muove un dito per cambiare il verso delle cose!

    RispondiElimina
  3. Ma i dipendenti della Camera ce l'hanno per caso d'oro e non mi riferisco solo allo stipendio....

    RispondiElimina
  4. Una vergogna, uno scandalo tutto italiano: a chi tanto e a chi troppo poco, che razza di paese...

    RispondiElimina
  5. Stipendi e pensioni da fame: così il Paese muore altro che crescita e sviluppo!

    RispondiElimina
  6. Se non si mette benzina nel motore la macchina resta ferma: bisogna adeguare stipendi e pensioni al costo della vita altrimenti l'Italia chiude!

    RispondiElimina
  7. Ragazzi, vi rendete conto che siamo in deflazione?
    Quando si è in deflazione significa che la moneta ha un valore sempre più alto e quindi è impossibile parlare di aumenti di stipendio.
    Chi li paga?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li paga chi sta ingrassando sulla pelle dei lavoratori: il reddito di una nazione va equamente redistribuito, non è possibile tollerare una società in cui c'è chi ingrassa e chi è tenuto a dieta ferrea!!!

      Elimina
  8. +
    Lo stipendio al lavoratore lo paga la ditta per cui lavora....e la maggior parte sta chiudendo, non ingrassando.

    RispondiElimina
  9. FACCIO IL TIFO PER I "FURBETTI DEL CARTELLINO"! Per quello che prendono di stipendio lo Stato non può chiedergli di più: timbrare il cartellino è fin troppo, per come vengono trattati e soprattutto pagati!!!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)