Roma 21 Aprile 2016, il Natale della Destra 2.0

Roma 21 Aprile 2016, il Natale della Destra2.0. Dalla terrazza di Roma, dal Pincio, è partita la campagna elettorale di Giorgia Meloni a sindaco di Roma. Ma da quella terrazza che domina la Capitale e guarda all’Italia intera è nata la Nuova Destra. La Destra2.0 di Giorgia Meloni e Matteo Salvini. La Destra del dopo Berlusconi. La candidatura della Meloni al Campidoglio parla chiaro: “Io corro per vincere. Chi deve decidere, decida ora. Le mie porte sono aperte a tutti
ma non aspettiamo più nessuno. Di fronte a un'occasione così importante è secondaria la tattica di partito. Ho deciso di candidarmi quando ho capito che Bertolaso è un candidato che non può arrivare minimamente al ballottaggio. Spero che gli altri abbiano altrettanto buonsenso”. Con la Meloni sul palco, tra bandiere tricolore, palloncini colorati, fumogeni e il Cupolone a fare da sfondo, è salito anche il segretario del principale partito che sostiene la sua candidatura, la Lega di Matteo Salvini, che è riuscito a trasformare in applausi i fischi che poco prima del suo ingresso avevano indispettito Rita Dalla Chiesa durante un intervento a favore dei diritti gay: “Non me ne frega niente se un medico è gay, lesbo o etero, ma che sappia curarmi e che sia bravo e preparato”! Ha sottolineato Salvini. E poi la svolta: “Berlusconi ha di fianco alcuni pessimi consiglieri che rischiano di rovinarlo. Lui è bravo a far di conto ma di fianco c'è qualcuno che lo vuole far perdere. Chi non appoggia Meloni aiuta Renzi e chi aiuta Renzi non sarà alleato della Lega”. Poche, ma semplici, chiare e pacate parole, per presentare il programma per il governo del Paese: no alla Fornero, no agli studi di settore, un’aliquota unica molto bassa e uguale per tutti, frontiere chiuse come fanno gli Stati seri, ripulire Roma, radere al suolo i campi rom, meno Europa e più Italia, difesa dei confini e dell’identità nazionale, immigrazione controllata e commisurata alle possibilità di accoglienza del Paese, difesa del made in Italy, cultura, arte, pesca, latte, agricoltura. Insomma ieri è stata una giornata storica, quella della svolta, quella senza Berlusconi, senza le luci, i frizzi e i lazzi, quella senza 'lo spettacolo'. La nuova Destra volta pagina, taglia col passato e si mostra seria e preparata, pulita e competente, parla alla gente di cose concrete, di contenuti e di programmi politici. Questo appuntamento passerà alla storia come il luogo e il giorno in cui tutto è cominciato, dove è nata la Destra2.0, quella che è passata dal “Meno male che Silvio c'è” al “Basta Silvio”!

2 commenti:

  1. Il telefono di Berlusconi ha squillato e sul display è apparso il nome dell'amico di sempre e presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri. Secondo Repubblica, il Confa avrebbe indicato a Berlusconi la strada da seguire, l'unica per evitare di scomparire: "Devi sostenere Marchini, non hai scelta - avrebbe detto - Se poi vuoi suicidarti inseguendo quei due...". Stando poi alla reazione di Berlusconi, le parole dell'amico avrebbero fatto breccia: "Fedele ha ragione. Se rompo con gli alleati, rischio. Ma se non rompo perdo la leadership. Ci siamo cacciati in un bel casino".

    RispondiElimina
  2. PincoPallo22 aprile, 2016

    Una pioggia di fischi e buu sono piovuti addosso a Rita Dalla Chiesa, conduttrice televisiva molto popolare durante l’intervento che ha aperto il comizio di presentazione della campagna elettorale di Giorgia Meloni sulla terrazza del Pincio, a Roma. Il pubblico ha rumoreggiato quando la Dell Chiesa ha parlato dei diritti gay: «Contestatemi pure - ha detto la conduttrice. Non mi vergogno delle mie idee, sono una persona libera come qualcuno di voi non è».

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)