venerdì 13 maggio 2016

Chiudono oltre 390 imprese al giorno, ma per il governo Renzi va tutto bene e l'Italia è fuori dalla crisi!

A sentire il governo dei nominati la crisi sarebbe solo un brutto ricordo e questo grazie alle riforme e ai provvedimenti messi in campo da Renzi e dai suoi ministri. Peccato che gli italiani non se ne siano ancora accorti. I dati su disoccupazione e crisi economica, legata a salari e pensioni mai adeguati al costo della vita, parlano chiaro: siamo ancora in piena crisi, altro che chiacchiere! Gli italiani tirano la cinghia, nessuno compra e nessuno vende: è tutto fermo!
E il contesto economico in cui hanno dovuto operare le Pmi in questi anni è stato particolarmente duro: negli ultimi 12 mesi hanno chiuso oltre 390 imprese al giorno. Questo il drammatico risultato di una ricerca di "Rete Imprese Italia" con il Ref. E se la crisi non si fosse mai verificata, il Pil oggi risulterebbe superiore del 15%, ovvero 230 miliardi di euro, rispetto ai livelli attuali, ''con evidenti riflessi sui bilanci delle imprese e sul tenore di vita delle famiglie''. Nonostante tutte le difficoltà, a trainare l'occupazione sono le micro-imprese, quelle con meno di 10 addetti, che sono riuscite a incrementare l'occupazione anche negli anni bui della crisi. Rete Imprese Italia calcola 375mila posti di lavoro in più fra il 2011 e il 2015. Va infatti considerato il ruolo delle piccolissime imprese nell'assorbire l'occupazione espulsa altrove, rappresentando uno sbocco occupazionale alternativo al lavoro dipendente. Cresce anche la qualità degli occupati nelle Pmi: +25% di laureati, pari a 530mila posti in più nel 2015 rispetto al 2007. Il primo ostacolo alla crescita è il fardello delle tasse che continuano a schiacciare le Pmi italiane: l'incidenza fiscale supera infatti il 61% di media ma in alcune zone si spinge oltre il 70%, complice la fiscalità locale. "Diamo atto all'attuale esecutivo della volontà di imprimere un'inversione generale di tendenza, dobbiamo però registrare che le scelte adottate in tema di fisco, con il taglio dell'Irap e del costo del lavoro, hanno inciso in modo diseguale fra piccole e grandi imprese, a vantaggio evidente di queste ultime" dice il presidente di Rete Imprese.

1 commento:

  1. Ma per il venditore va tutto bene così. Però molto presto gli italiani non a chiacchiere, ma con una bella croce sulla scheda elettorale gli daranno il ben servito: a casa!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)