Diavolo alla cantonese!

Milioni e milioni di italiani, venti anni orsono, lo avevano eletto alla guida del Paese illusi dal fatto che l’uomo di Arcore potesse trasformare l’Italia così come aveva fatto con la squadra di calcio del Milan che, con Berlusconi presidente, spadroneggiava in casa e fuori, imponendo il suo gioco a qualsiasi avversario e vincendo tutto quello che c’era da vincere.
Oggi quella squadra non c’è più, sommersa com’è dai debiti proprio così come accaduto per l’Italia del ventennio berlusconiano. Con l’aggravante che l’Italia berlusconiana, a differenza di quella rossonera, non ha conosciuto neppure un giorno di gloria! E allora il Berlusconi, processato, condannato, decaduto, invecchiato, fiaccato, consumato e spento dall'incedere del tempo, segna il passo, o meglio ne fa parecchi indietro. Dopo avere sedotto gli italiani in quella fatidica puntata di “Porta a Porta” con la firma del famigerato “Contratto con gli italiani”, li ha abbandonati al governo dei “nominati”. E oggi la sua parabola continua a scendere vertiginosamente conoscendo persino l’onta della vendita dei gioielli di famiglia: il Diavolo più vincente di sempre, un pezzo della gloriosa storia del calcio italiano, la AC Milan, da oggi è roba cinese. Che tristezza.

4 commenti:

  1. E' stato un vero e proprio fallimento per tutti, salvo che per le sue aziende che continuano a fare profitti altissimi!

    RispondiElimina
  2. Che pena, che tristezza... ci ha preso in giro per tutto questo tempo! Passerà alla storia come il più grande bluff italiano!

    RispondiElimina
  3. Dire adesso che no gli ho mai creduto sarebbe troppo facile, ma purtroppo è stato così fin dal primo giorno che l'ho visto in tv: un gran cummenda, arricchito, ma niente di più, non ha saputo dare niente al Paese, in termini di politiche economiche e sociali, ma si è ingrassato ben bene, lui e le sue famiglie!

    RispondiElimina
  4. Da milanista e da italiano mi dispiace, ma sono contento così!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)