Expo2015 chiude con un rosso di 23,8 milioni di euro!

Finalmente è stato reso pubblico il bilancio finale di Expo con i costi per la sua realizzazione. I numeri sono contenuti nel documento di liquidazione della società. Expo ha chiuso il 2015 con un rosso di 23,8 milioni di euro! Per andare in pareggio, con le sole entrate da botteghino (21,5 milioni di visitatori) il biglietto sarebbe dovuto costare poco più di 100 euro. Insomma, l’Expo si è rivelato quello che temevano tutti i cittadini di buon senso: un fiasco colossale pagato dai contribuenti italiani!
Expo è costata 2.254,7 milioni di euro (spesi dal 2009 a fine 2015) e ha guadagnato 30,7 milioni. Sono i numeri contenuti nel bilancio finale dell'evento, resi noti proprio in questi giorni. L'Esposizione dei record non avrebbe chiuso in pareggio con le sole entrate dei biglietti venduti (21,5 milioni), che hanno portato nelle casse 421,3 milioni di euro. È stata finanziata, fra gli altri, da contributi pubblici (1.258,7 milioni), dalle sponsorizzazioni (353,7 milioni), dall'affitto degli spazi ai Paesi partecipanti (19,2 milioni). E ancora. A generare ricavi anche il Padiglione Italia (29,2 milioni di euro), piuttosto che le royalties sul cibo e il merchandising a (27,8 milioni). A pesare sui costi, invece, sono stati soprattutto le realizzazioni delle opere infrastrutturali, come il sito, il padiglione Italia, i cluster, la riqualificazione della Cascina Triulza, le Vie d'Acqua, la Darsena e le passerelle, per le quali sono stati spesi 1,114 miliardi. Ben 976,6 milioni, invece, per la complessa gestione del semestre, concluso lo scorso ottobre.

1 commento:

  1. se so magnato tutto, pure li capannoni!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)