venerdì 13 maggio 2016

Le pensioni d'oro dei politici.

Quando si parla di stipendi e pensioni i soldi non ci sono mai. E allora contratti bloccati, pensione mai perequate al costo della vita, e innalzamento dell'età pensionabile ai 75 anni con una drastica riduzione dell'assegno previdenziale. Questo logicamente vale per tutti noi comuni mortali, ma non per "loro", per quelli della "casta". Per "loro" i soldi ci sono sempre e pure tanti, addirittura troppi se si considera che i vitalizi dei parlamentari sono quasi il doppio di quanto sarebbe giustificato alla luce dei contributi realmente versati. 
Ma in soldoni quanto percepiscono gli ex parlamentari? Lo scopriamo dalla lista pubblicata da Il Tempo dalla quale risulta che Luciano Violante percepisce di 9.363 euro al mese, Giuliano Amato arriva a 31.411 euro al mese, Nichi Vendola pensionato d’oro all’età di 57 anni riceve dalla regione Puglia un assegno di 5.618 euro. Walter Veltroni ogni mese incassa 5.373, Massimo D’Alema appena 90 euro in meno del suo storico rivale. Marco Pannella porta a casa una pensione invidiabile da 5.691 euro al mese. Con 35 anni di contributi versati e per la prima volta fuori dal Parlamento, dopo il declino della sua parabola nel centrodestra, percepisce il vitalizio anche l’ex presidente della Camera Gianfranco Fini (5.614 euro). Poi Prodi (2.864), Rodotà (4.684) e Franco Marini (5.800). Anche Irene Pivetti ha maturato un cospicuo vitalizio a seguito dei suoi 9 anni di mandato parlamentare, durante il quale ha occupato anche la carica di Presidente della Camera. Dal 2013, ovvero da quando aveva solo 50 anni, percepisce 6.203 euro al mese. Alfonso Pecoraro Scanio, deputato dal 1992 al 2008, riceve 8.836 euro al mese da quando aveva 49 anni. A Vittorio Sgarbi per essere rimasto in carica per 4 legislature riceve 8.455 euro. Ma c'è poco da indignarsi: è scritto nel Regolamento. Giancarlo Abete è dal 1992 che non occupa i seggi parlamentari, ma da quando aveva 42 anni riceve 6.590 euro mensili. Rosa Russo Iervolino, parlamentare per oltre 20 anni e più volte Ministro, riceve mensilmente il suo assegno da circa 5400 euro netti. Alla cifra contribuisce anche il cumulo acquisito come sindaco di Napoli, dal 2001 al 2011. Pensionata a 41 anni e con un assegno di 8.455 euro, si può. È il caso di Claudia Lombardo, definita Miss Vitalizio d’oro. Eletta per la prima volta nel Consiglio Regionale della Sardegna quando aveva 21 anni e divenuta presidente nel 2009 con una carriera fulminea. Domenico Gramazio, passato alla storia parlamentare per aver festeggiato la caduta di Prodi nel 2008, mangiando in Senato una fetta di mortadella, percepisce 10.877 euro. Gianni De Michelis, percepisce 5.800 euro netti al mese.

1 commento:

  1. Se fossi un lavoratore precoce che ha iniziato a lavorare a 14 anni spaccando le pietre in una cava e dopo 42 anni di contributi non vedo ancora la pensione anche se sono stanco e malato no non mi indignerei per niente ...perchè so che se riesco a non tirare le cuoia prima di avere la MIA Pensione , finalmente avrò i miei 1100 euri con i quali mi potrò godere la vita scialacquando a dx e manca

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)