L'Italia gay è in festa! L'Italia di tutti i giorni no. Continua a soffrire, ma la sua grave colpa è di soffrire in silenzio.

L'Italia va a nozze. Sono nozze-gay! E l'Italia-gay fa festa! L'altra Italia, quella di tutti i giorni, no. Per la stragrande maggioranza degli italiani è un giorno qualunque, un giorno come tutti gli altri. La rassegnazione e l'indifferenza continuano a farla da padrone. E questa è la grave colpa di un popolo che accetta di tutto e di più, che soffre in silenzio senza dire mezza parola. Ma, dire, come dice il governo, che l’Italia è in festa, sostenere che è uscita dal medioevo
solo perché il parlamento ha approvato con il voto di fiducia la legge che consente ad un uomo di sposarsi con un altro uomo e ad una donna di mettere su famiglia con un'altra donna, è anacronistico e sa tanto di muffa che poi fa rima con fuffa! Ovvero quella fuffa che il governo sta spacciando di continuo agli italiani per roba buona o meglio, per dirla col "premier senza voto", per la "svolta buona". Come se la svolta epocale per un Paese troppo vecchio rispetto alla modernità e pieno di problemi come il nostro,  fosse quella di celebrare matrimoni gay. Anche se poi è assai complesso discernere tra progresso e regresso. E' forse progresso avere due madri o due padri? E se tutto ciò è progresso e civiltà, perché limitare il matrimonio tra due persone? Facciamone anche tre, quattro, cinque o quanti ne vogliamo. Perchè imporre certi limiti al nuovo che avanza? Perchè ingabbiare le libertà individuali? La verità è che non c’è progresso quando si infrangono le leggi della natura. Non c’è progresso quando un governo che non è in grado di tutelare e garantire neppure la "famiglia tradizionale", si vuole sostituire al creatore e dare vita alla "famiglia surrogata". Non c’è progresso quando tutti i dati micro e macro economici danno torto al presunto operato dell’esecutivo dei “nominati”. Dalle pensioni ai salari, dai disoccupati agli immigrati, dalle scuole agli ospedali, dalla corruzione al debito pubblico, dai servizi alle infrastrutture, dal degrado urbano al disseto idrogeologico, qualsiasi persona, ancora sana di mente, sa ancora discernere la realtà dalla fuffa.

7 commenti:

  1. Sì, un giorno di festa per tutti...finisce una lagna che dura da 31 anni!)... che poi il sottoscritto sia anche d'accordo è un dettaglio che non interessa a nessuno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché vi scaldate tanto? Con questa legge vengono aggiunti, non tolti dei diritti

      Elimina
  2. Per gli italiani non è affatto festa, ma un giorno in cui un altro, tra i tanti valori che la sinistra sta distruggendo, va a farsi benedire.

    RispondiElimina
  3. Sarà un giorno di festa per renzi e qualche altro sinistrato, non certo per la maggioranze degli italiani!

    RispondiElimina
  4. Come fa ad essere un giorno di festa per tutti se si fa una legge solo per un gruppo di persone?

    RispondiElimina
  5. L'unione civile è un fatto di libertà individuale, che giova a chi vi ha interesse ed è indifferente per gli altri. Chiesa e oppositori in genere danno prova d'intolleranza, inammissibile in una nazione laica e democratica.

    RispondiElimina
  6. La chiusura frettolosa con l'apposizione della fiducia (approvata con 369 sì, 193 no e due astenuti) porta con sé una serie di effetti collaterali, come per esempio la bigamia o l'esclusione dell'uxoricidio, reati per il matrimonio tra etero, ma non per le unioni civili. A cui si aggiunge la già rilevata mancanza dell'obbligo di fedeltà.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)