Il "mutuo-pensione": un regalo alle banche con i soldi dei lavoratori!

Il governo non è in grado di tutelare "lavoro e pensioni" e non vuole assolutamente mettere mano alla scellerata ‘riforma fornero’ che finora sta generando solo tanti, troppi, disoccupati e lavoratori sempre più anziani e precari. E allora, invece, di estirpare il bubbone alla radice una buona volta per tutte, ricorre alle pezze con l’acqua calda: "Nessuna penalizzazione per la pensione anticipata, ma un prestito con un piano di ammortamento di venti anni, una copertura assicurativa e una detrazione fiscale sulla parte del capitale anticipato per alcuni soggetti più deboli e meritevoli di tutela". Questa la proposta del governo. Assomiglia allo spot di una finanziaria: “Il prestito pensionistico per chi lascia il lavoro prima dell'età di vecchiaia dovrà essere restituito con comode rate fino a 20 anni e con gli interessi”!
La rata del "mutuo-pensione" per chi dovesse anticipare volontariamente l'uscita dal lavoro di 3 anni rispetto al requisito anagrafico richiesto, potrebbe arrivare al 15% della pensione per i vent'anni nei quali si ripaga il prestito. Insomma, l’ennesima fregatura per le nostre “povere” pensioni, e uno splendido assist a banche e assicurazioni che così si ritrovano con l'equivalente di un mutuo per ogni occupato che si ritira prima dal lavoro o che viene licenziato! Insomma, vuoi andare in pensione anticipata o sei stato licenziato? Accendi il "mutuo-pensione", il prestito te lo fanno le banche, e tu dovrai restituirglielo pagando fino alla morte e con gli interessi! Ma - tradotto in soldoni - a quanto ammonterebbe la rata del "mutuo-pensione"? Su un assegno da 1.500 euro al mese, ad esempio, la decurtazione per vent'anni sarebbe di 225 euro. Ma senza i parametri esatti della legge è ancora difficile fare conti attendibili e certi. La Uil, comunque, c'ha provato, scoprendo che, nell'ipotesi di accesso alla pensione con un anticipo fino a tre anni rispetto al requisito anagrafico richiesto, la rata del "mutuo-pensione" potrebbe arrivare a costare tanto, almeno un'intera mensilità all'anno! 

8 commenti:

  1. Ormai che ci hanno tolto tutto, cosa prenderanno più? La nostra anima!

    RispondiElimina
  2. Ma per quanto tempo ancora dobbiamo tenerci questi avidi, incapaci?? Abbiamo veramente perso la dignità se non riusciamo a liberarcene , dopo aver lavorato (io 41 anni ) devo chiedere un prestito pagando gli interessi per godere della mia pensionecostruita versando i miei soldi e loro si godono le pensioni d'oro le indennità agiate e si fanno nominare Senatori ??

    RispondiElimina
  3. In sostanza uno si licenzia con tre quattro anni di anticipo!!!Perchè lo stato deve intervenire su quello che uno vuol fare dopo?. per esempio mangiare pane e pomodoro fino all'età della pensione e poi avere la pensione senza pensare a mutui, interessi ecccc.

    RispondiElimina
  4. Quando si fanno entrare dei ladri in casa non ci si può aspettare che entrino portando fiori e cioccolatini e lasciando ogni cosa al suo posto...

    RispondiElimina
  5. Fare pressione sui sindacati di base per arrivare ad uno sciopero generale in italia,di tutte le categorie,ai primi di settembre solo la mobilitazione e la lotta demistificano il ruolo di cgil cisl uil e creano le premesse per riprenderci i nostri diritti su lavoro e pensioni,si vedra' chi e' davvero dalla nostra parte

    RispondiElimina
  6. Rod sei un illuso. Pensi davvero che iquegli stesssi sindacati che hanno fatto passare la sopressione della scala mobile, della Fornero e del jobact ti difendano. Eppoi qui siamo in Italia, mica in Francia dove la gente non spetta l'imbeccata per scendere in piazza e dissentire.

    RispondiElimina
  7. Ho fatto un conto rapido e spero anche di aver sbagliato. Su una pensione lorda di 1500 euro mensili x 13 mensilità (quindi circa 1150 netti/mese) alla fine dei 20 anni verrebbero restituiti circa 13mila euro di interessi equivalenti a 53 euro/mese. Rapportando 53 euro rispetto al capitale di 13mila euro significa un tasso di interesse del 4,1% fisso. ma l'interesse dovrebbe essere scalare, non fisso. In tal caso il 4,1% equivarrebbe ad un interesse scalare del 8,2%. Un tasso da strozzino della peggiore specie, forse anche passibile di denuncia. Ditemi dove ho sbagliato perchè non può essere vero.

    RispondiElimina
  8. Neanche puoi darti la colpa di averli votati, ammesso e non concesso che li avresti mai votati, perchè ce l'hanno messi lì senza farteli eleggere!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)