giovedì 4 agosto 2016

Dal 2008 ad oggi la tassa sui rifiuti è aumentata del 100%!

Mentre Roma attende con trepidazione che il governo pentastellato del Campidoglio dia almeno un segnale di saper affrontare l'emergenza "monnezza" e di essere estraneo al vecchio sistema di potere, tutta Italia continua a pagare cartelle Tari esageratamente onerose per un servizio scadente e inadeguato quale quello della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, nonostante lungo tutto lo Stivale la produzione di rifiuti sia in netto calo. Sarà per colpa della crisi che porta ognuno di
noi ad acquisti sempre più oculati, fatto sta che produciamo meno spazzatura, ma le tasse per il loro smaltimento continuano ad aumentare! Tant’è che la tassa sui rifiuti tra il 2010 e il 2015 è aumentata del 55% e dal 2008 ad oggi addirittura del 100%! E questo nonostante il fatto che grazie all'indifferenziata ognuno di noi è diventato un perfetto "monnezzaro" che quotidianamente allevia le fatiche delle Municipalizzate nel separare il vetro, la plastica, la carta, l'umido, ecc, ecc. Ma la cosa incredibile è che questo balzello, per il quale spesso non viene erogato neppure un servizio adeguato a quanto il contribuente paga, continua a crescere nonostante la quantità di immondizia prodotta è diminuita nello stesso periodo dell’11%. La Tari, odiata dagli italiani ma non dal governo - porta nelle casse ben 3 miliardi di euro ogni anno - è destinata ad aumentare ancora! Secondo un’indagine di Confesercenti, dal 2008 ad oggi, l’aumento sarebbe stato del 100%. Va inoltre chiarito che si tratta comunque di una tassa iniqua perché non pesa su tutti allo stesso modo e perchè non viene applicata alla spazzatura prodotta. Nel Paese esistono grandi divari territoriali, anche tra Comuni vicini. Anche a parità di servizio c’è chi si vede applicare tariffe maggiorate del 900%. Ancora più anomali i divari di costo tra medesime categorie economiche, sempre a parità di condizioni. Per un albergo di 1.000 metri quadri, ad esempio, lo scostamento è del 983%, passando da un minimo di 1.200 euro ad un massimo di 13.000. Per un ristorante di 180 metri quadri si va dai 500 euro all'anno a quasi 10 mila (1.900%), mentre per un negozio di calzature di 50 metri quadri il divario registrato è del 677% con variazioni da un minimo di 90 euro l'anno a quasi 700 euro. Per non parlare delle seconde case dove la tassa e maggiorata e per qualche sacchetto di spazzatura all’anno si arriva a pagare il doppio dei residenti! Per non parlare dei 'singol' che pagano quanto una famiglia di 4 persone! La situazione è, poi, aggravata dal peso dell'inefficienza delle Amministrazioni locali: il 62% dei Comuni capoluogo di provincia registra infatti una spesa superiore rispetto ai propri fabbisogni, peraltro associata a livelli di servizio e prestazioni inferiori: in alcuni casi lo scostamento dal fabbisogno è superiore all'80%. Questa inefficienza produce un costo di 1,3 miliardi di euro di mancato risparmio, che “potenzialmente” avrebbe potuto rappresentare una riduzione del costo del servizio e quindi della tariffazione.

8 commenti:

  1. Sò tutti boni... ve li raccomanno quelli dei 5stelle!

    RispondiElimina
  2. O i 5 stelle mostrano di avere il coraggio di rinnovare e buttare fuori tutta la vecchia guardia di atac ,ama ecc ecc oppure confermano il giudizio che sono degli incapaci giovani di belle speranze ma senza sostanza.Parlare è facile, fare difficile.Che Dio ci salvi dai parolai.

    RispondiElimina
  3. Finalmente ci stiamo rendendo conto di una scelta sbagliata speriamo che Grillo riesca ad resettare la sindaca!

    RispondiElimina
  4. Troppe tasse e Servizi da terzo mondo? Per forza se i soldi se li magnano i gestori!

    RispondiElimina
  5. Mi danno molto fastidio i rifiuti e i topi per strada con i gabbiani che se cibano a volontà. Vedere questo scempio in una città come Roma è veramente una vergogna!

    RispondiElimina
  6. E' Alessandro Solidoro l'uomo scelto dai Cinque Stelle per guidare l'Ama, la municipalizzata dei rifiuti di Roma dopo le dimissioni irrevocabili di Daniele Fortini. Fortini, in rotta di collisione con l'assessore all'ambiente Paola Muraro, lascerà questo pomeriggio durante l'assemblea dei soci aziendale. In mattinata l'unico cv arrivato al vaglio della commissione capitolina ambiente, presieduta da Daniele Diaco, come nuovo amministratore unico è quello di Solidoro, presidente dell'ordine dei commercialisti di Milano.

    RispondiElimina
  7. Daniele Diaco04 agosto, 2016

    Ama di fatto è già fallita, con 600 milioni di euro buco e questa è la motivazione per prendere una persona esperta di aziende in crisi. I romani, infatti, ci hanno voluto qui per risanarla, e il curriculum unico che vi è stato sottoposto è dovuto all'efficienza del M5S nel rispondere all'esigenza dei cittadini.

    RispondiElimina
  8. Non capisco perché il sindaco non si decide a sbolognare la Muraro che sta sputtanando tutto il movimento!!!!! Ma perché s'e circondata da gente con il passato politico così opaco? Dai su damose 'na mossa....

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)