Equitalia: dall'8 agosto stop alle cartelle fino al 22 agosto.

di Marina Crisafi. Scatta da oggi la "tregua" di Equitalia per i contribuenti che non vedranno bussare il fisco alla propria porta per le prossime due settimane. Dopo il successo di quella "natalizia", è partita infatti la moratoria estiva che riguarderà la sospensione delle notifiche di oltre 360mila cartelle, tra quelle via posta e quelle via pec, nell'ambito dell'operazione "zero cartelle".
Il fine, annunciato nei giorni scorsi dallo stesso ad di Equitalia Ernesto Maria Ruffini, è quello di far sì che "i contribuenti non percepiscano lo Stato come un avversario, come un ostacolo" fermo restando, ovviamente, l'utilizzo di "ogni strumento per essere efficienti come società pubblica che ha degli obiettivi da raggiungere e un servizio da offrire". Lo stop che durerà fino al prossimo 22 di agosto, comunque, come spiegato da Ruffini, non sarà totale, perché alcuni atti inderogabili (circa 20mila) saranno comunque inviati. Ad essere scattato nei giorni scorsi, si ricorda (leggi: "Agosto senza fisco: stop a cartelle e controlli"), è anche lo slittamento delle scadenze per i controlli già avviati da parte dell'Agenzia delle Entrate sulle dichiarazioni 2014 (per i redditi del 2013). I contribuenti avranno tutto il mese di settembre per rispondere alle richieste di documentazione, regolarizzare la propria posizione o contattare gli uffici dell'Agenzia.

1 commento:

  1. Ma Renzi non aveva detto che avrebbe abolito Equitalia? Già, dimenticavo quanto vale la parola del premier!!!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)