Fra poco farà un caldo... bestiale!

È in atto in queste ore una poderosa rimonta dell'anticiclone africano che dalla Spagna si estenderà a gran parte dell'Europa centrale in settimana, portando l'ondata di caldo probabilmente più intensa della stagione tra Iberia, Francia poi Germania, Belgio, Olanda, Polonia. Entro il prossimo venerdì le propaggini nord africane potrebbero giungere sin sul Baltico. Coinvolta in parte anche l'Italia, in particolare le regioni del Centro-Nord, mentre il Sud rimarrà ai margini con correnti relativamente più fresche dai Balcani e tempo più instabile.
Insomma, non ci sarà scampo per chi teme l'afa neanche per l'estate 2016, stagione che sembrava più clemente rispetto a quella dello scorso anno. Le zone dove farà più caldo: Regioni del Nord e centrali tirreniche, dove da metà settimana sono attese punte di 33-34°C se non picchi localmente superiori in particolare tra Valle d'Aosta, Piemonte, Toscana, Lazio. Le città più calde: Aosta, Torino, Genova, Milano, Bolzano, Firenze, Grosseto, Roma, Viterbo, Terni, Benevento. Sulle Alpi occidentali attese punte vicine ai 30°C a 1000m nella seconda parte della settimana. Le zone dove farà più fresco: Il versante adriatico, specie centro-meridionale, e l'estremo Sud in particolare Salento, Calabria e Sicilia. Le città più fresche: Rimini, Ancona, Pescara, Termoli, Bari, Lecce, Crotone, Palermo, Messina. Quanto durerà: Tale situazione dovrebbe protrarsi sin verso fine mese senza grossi scossoni.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)