Tormentone Referendum. Renzi: "Sono sicuro di vincere"!

Rieccolo il tormentone di questa calda estate 2016: "Sono sicuro che vincerò il referendum, ma non perché questa sarebbe la mia vittoria, non è il referendum di Renzi ma si decide del futuro dell'Italia". Così Matteo Renzi nell'intervista tv a Cnbc. "Ho usato parole molto forti sul mio futuro dopo il referendum. Abbiamo anche la recente esperienza nel Regno Unito: non è facile perdere il referendum e tornare il giorno dopo come se non fosse successo niente, non sarebbe corretto.
Ma la priorità in questo momento è scoprire su cosa è questo referendum", aggiunge. "Vincerò" il referendum, "ma penso che le persone abbiamo bisogno di capire quale instabilità seguirebbe" in caso contrario. "Non solo resterebbero governi di breve durata, ma c'è anche il rischio, se si guarda ai sondaggi, che forse il M5s potrebbe andare a guidare questo Paese. Ma sarebbe un errore una campagna elettorale sul rischio dei populisti. Vuoi cambiare e, infine, scegliere il futuro, o vuoi continuare con questo modello e distruggere la prospettiva di crescita degli ultimi anni in Italia? Questo è il Derby". Ma questo è soltanto il suo personalissimo derby, perchè la stragrande maggioranza degli italiani, che può al massimo permettersi un settimana di ferie al paesello dove paga un salasso di Imu su quella seconda casa ereditata dai bisnonni, è rimasta in città a soffrire il caldo alle prese con le buche, la monnezza, i mezzi pubblici che non passano, i pronto soccorso al collasso, le bollette della luce col canone Rai e a fare i conti per come riuscire a sbarcare il lunario!

1 commento:

  1. Dopo di lui il nulla? Perchè adesso abbiamo qualcosa?

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)