lunedì 26 settembre 2016

Grillo si riprende il MoVimento e i 'pentastellati' ritornano a fare i 'grillini'.

Ancora troppo giovani, troppo inesperti, troppo vogliosi di ‘apparire’ soprattutto in tv, di ‘primeggiare’ l’uno sull’altro, troppo gelosi e rivali tra di loro, divisi al loro interno. Insomma, ancora troppo acerbi per camminare da soli, tant’è che la kermesse palermitana si è conclusa con il ritorno di Beppe Grillo ed un accorato invito ad essere “uniti, perché solo uniti si vince”! E così, il leader storico, dal passo di lato è costretto a farne un altro netto e deciso al centro del MoVimento
per riprenderne la guida e tornare a fare il “capo”: "Se devo fare il capo politico lo farò. Io ci sono a tempo pieno. Non posso più con il passo di lato. Io voglio stare con il M5S fino alle elezioni e vincerle". Di fatto Grillo fa un passo al centro del M5S e i ‘pentastellati’, richiamati all’ordine, ritornano a fare i ‘grillini, e soprattutto a fare parecchi passi in dietro! A Palermo si è chiusa la fase del direttorio. L'organo direttivo del M5S si riduce a due soli esponenti, Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, con gli altri tre (Roberto Fico, Carla Ruocco e Carlo Sibilia) praticamente spariti dal palco e dalla tv. E poi c'è Casaleggio. Non più Gianroberto, ma il figlio Davide che ne prende idealmente l'eredità. Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. Oggi come oggi servono nervi saldi e mente lucida per ridare una direzione chiara ai 5Stelle, persi nel caos romano.

1 commento:

  1. Dopo il governo Berlusconi 1.2 milioni di poveri in più. Aveva ragione Montanelli: "la sinistra ama talmente i poveri che ogni volta che va al potere aumentano"!!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)