La Juve va in gita a Zagabria e rifila 4 pappine alla Dinamo.

Se tutto fila liscia, se tutto va come deve andare, i bianconeri quest'anno non li ferma più nessuno! Ma lo sport non è matematica, dipende da una serie infinita di fattori tra i quali anche la fortuna. Per cui i bianconeri fanno bene a tenere le dita incrociate e a
toccare ferro quando s'intonano cori trionfalistici. Prima bisogna vincere e solo dopo ci si bea e si festeggia! Comunque, la Juve travolge la Dinamo Zagabria 4-0 e svetta in testa al girone, al Maksimir decidono tre campioni arrivati in estate (Pjanic, Higuain e Dani Alves) e si sblocca Dybala, al primo timbro in stagione. Tutto facile per i bianconeri che impiegano poco più di 20 minuti ad abbattere il fortino della Dinamo. Sopic prende spunto dal Siviglia per provare a imbrigliare i bianconeri: in campo è di fatto un 4-5-1 con dieci giocatori a difendere la porta di Semper. Ma non fa i conti con Pjanic, che anticipa il portiere Semper su lancio di Bonucci che si tramuta in assist dopo il doppio liscio dei centrali della Dinamo. E poco più tardi arriva il raddoppio, Pjanic inventa per Higuain (prima rete in trasferta) che stoppa di petto e infila la Dinamo d’autorità. Il tasso tecnico pende clamorosamente dalla parte dei bianconeri, costantemente in controllo e in possesso di palla, la Juve domina, pronta a colpire appena si presenta l'occasione. La Dinamo fa paura a Buffon solo con un colpo di testa che si infrange sulla traversa di Schildenfeld, e i bianconeri la chiudono a inizio ripresa con Dybala. Paulo da fuori area scarica in rete tutta la sua rabbia per il 3-0, Allegri - dopo aver avuto le risposte che voleva - nel secondo tempo risparmia Pjanic (toccato duro da Soudani alla caviglia a inizio partita), e sperimenta: Cuadrado interno di centrocampo, e Pjaca in campo al posto di Barzagli. La Juve passa a quattro in difesa ma continua ad attaccare. Dani Alves (tre reti nelle ultime tre partite considerando l’autogol a Palermo) cala il poker con una punizione deviata a 5 minuti dalla fine. 

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!