lunedì 19 settembre 2016

La Verità, quotidiano fondato e diretto da Maurizio Belpietro.

Da domani, martedì 20 settembre, sarà in edicola tutti i giorni, escluso il lunedì, al costo di 1 euro "La Verità" il nuovissimo quotidiano indipendente, a diffusione nazionale, fondato e diretto da Maurizio Belpietro, già direttore responsabile del Giornale, di Panorama, di Libero e del Tempo. Condirettore è Massimo de’ Manzoni, già vicedirettore vicario di Libero.
Direttore editoriale è Stefano Lorenzetto, già vicedirettore vicario del Giornale. La Verità ha una foliazione media di 24 pagine, interamente a colori, e un prezzo competitivo: è l’unico fra i quotidiani italiani in edicola a 1 euro. La linea editoriale è quella indipendente e moderata garantita per lunghi anni dal direttore responsabile Maurizio Belpietro nelle varie testate che ha guidato e in trasmissioni televisive come La telefonata su Canale 5 e Dalla vostra parte, il talk show che in questo periodo conduce ogni giorno in prima serata su Rete 4. Viene dato ampio spazio a inchieste esclusive, editoriali, interviste, servizi e dibattiti su temi politici, economici, sociali, culturali, etici, con possibilità di mettere a confronto le idee, grazie alla presenza di opinionisti di diverso orientamento. Una particolare attenzione è rivolta a personaggi, movimenti e categorie, sempre di area moderata, spesso oscurati, se non addirittura ostracizzati, dai mass media in base al dilagante conformismo del "politicamente corretto". Questa testata aspira al ruolo di cane da guardia del potere (watch dog), caro al giornalismo anglosassone: difende le posizioni serie e ragionevoli anche a costo dell’impopolarità, morde alle calcagna i nemici della verità e dell’onestà. Ma perché intitolare un giornale “La Verità”? All’apparenza potrebbe sembrare una scelta pretenziosa. In realtà è un modo limpido per rinnovare ogni mattina il contratto ideale con il lettore che si reca all’edicola, dichiarando il tentativo quotidiano di raccontare proprio questo, la verità. Nella testata figura un cartiglio ornamentale con il motto "Quid est veritas?". È la frase latina che, nel Vangelo secondo Giovanni (18, 38), viene pronunciata dal governatore Ponzio Pilato durante il suo interrogatorio a Gesù: "Che cos’è la verità?". La Verità può contare sulle firme di illustri giornalisti e opinionisti, fra cui Giampaolo Pansa, Roger Scruton, Andrea Vitali, Mario Giordano, Luca Telese, Giancarlo Perna, Aldo Forbice, Cesare Lanza, Paolo Nori, Riccardo Ruggeri, Carlo Pelanda, Mauro della Porta Raffo, Costanza Miriano, Marcello Mancini, Richard Millet, Massimo Gandolfini, Umberto Tirelli, Ettore Gotti Tedeschi, Laris Gaiser, Robert Spencer, Renaud Camus, Luigi Negri, Giacomo Amadori, Francesco Borgonovo, Claudio Antonelli, Edoardo Cavadini, Sarina Biraghi, Maurizio Caverzan, Eugenia Roccella, Mario Celi, Francesco Agnoli, Alessandro Gnocchi, Paolo Attivissimo, Eugenio Benetazzo, Gemma Gaetani, Adriano Scianca e molti altri. Al Direttore e a tutta la Redazione di "La Verità" giungano i nostri più sinceri auguri di un ottimo lavoro.

1 commento:

  1. Il quotidiano LaVerità si troverà in edizione online come Libero e Il giornale? Per me è importante leggere i commenti dei lettori e poterne a mia volta inviare.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)