L'Europa affossa i limoni italiani.

di Ignazio Corrao, M5S. Dopo le arance marocchine e l'olio tunisino adesso vogliono rubarci anche i limoni. In Sicilia mancano all'appello 5.000 ettari di piante di limone che producevano ossigeno, reddito, ricchezza e posti di lavoro. Il Parlamento europeo è responsabile di questo 'scippo' perché ha votato accordi di libero scambio - come il Trattato Ue-Marocco - senza assicurare i requisiti di tracciabilità e di etichettatura del prodotto. Così facendo è stato colpito un intero settore
produttivo, quello della agricoltura siciliana e di tutto il Sud Italia. L'agricoltura italiana, ancora una volta, viene usata come merce di scambio per la politica internazionale. I limoni venduti nei supermercati arrivano molto spesso dall'altra parte del mondo. Questa politica suicida sta affossando il Made in Italy e porta con sé conseguenze economico-sociali enormi. I limoni siciliani sono in via d'estinzione - come denuncia Coldiretti Sicilia - perché agli agricoltori italiani non conviene più raccogliere i limoni dagli alberi. Negli ultimi quindici anni si è persa metà della produzione nazionale di limoni. Fra due mesi, quando inizierà la stagione della raccolta degli agrumi, ci troveremo in piena emergenza: il Commissario europeo Hogan e il Ministro dell'Agricoltura Martina non possono ignorare l'allarme del settore. Il Movimento 5 Stelle propone subito la modifica della direttiva sulla tracciabilità e l'attivazione di clausole di salvaguardia per salvare l'agricoltura italiana. Dobbiamo fare in fretta!

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)