Questa €uropa, fondata sulla moneta unica, continua a non piacerci!

L'€uro è incapace di risolvere le crisi dei paesi Ue, acuisce le disuguaglianze allargando la forbice tra ricchi e poveri e disattende quello che alle origini doveva essere un progetto di cooperazione tra i popoli: uniti per essere più forti, uniti per avere condizioni di vita migliori per tutti. Invece questa Unione che è rimasta solo monetaria è una "casa" senza fondamenta etiche, politiche e sociali. I vincoli imposti dalla moneta unica sono divenuti un cappio al collo e rappresentano il vero ostacolo da superare, le catene da rompere per rilanciare non solo l'economia e il lavoro, ma anche il dialogo tra i popoli. L'introduzione dell'€uro ha bloccato l'interscambio tra le economie europee, profondamente diverse tra loro, e ha creato
dei grandi vantaggi competitivi soprattutto per un solo Stato, la Germania: i tedeschi sfruttano una moneta molto sottovalutata per la loro economia, attraverso la quale stanno accumulando una ricchezza eccessiva ai danni degli altri Paesi, che non potendo svalutare la moneta e strozzati dal debito pubblico sono costretti ad imporre l'abbattimento dei salari e dello stato sociale tramite le cosiddette "riforme". L'impoverimento del ceto medio, ormai ridotto alla canna del gas, pilotato dalla Troika, assieme all'incapacità di risolvere il problema migrazione e sicurezza, sta pericolosamente veicolando il malessere dei cittadini verso gli estremismi politici. Il governo Renzi si è dimostrato incapace di cambiare marcia, inchinandosi ai diktat dei poteri forti, delle lobby, delle banche e delle multinazionali. Eppure Renzi ha addirittura avuto - secondo il principio della rotazione e subito dopo la sbornia del 40% alle elezioni europee - la presidenza semestrale del Consiglio dell'Unione Europea, ma non ha saputo combinare niente di buono. Ed oggi gli italiani continuano a soffrire le conseguenze negative di questa politica fatta di annunci e di futili promesse! Per questo parlare di uscire dall'euro non deve essere considerato come un atto sovversivo e irresponsabile, ma come di un 'atto dovuto' a milioni di cittadini che stanno pagando "lacrime e sangue" le scelte sbagliate di una politica sbagliata!

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!