mercoledì 26 ottobre 2016

Alla 'lettera di Bruxelles' risponderanno gli italiani il 4 dicembre.

Finalmente è arrivata da Bruxelles la tanto attesa "lettera" della Commissione europea sulla manovra finanziaria del governo Renzi e, com’era facile prevedere, non porta nessuna buona notizia per l'esecutivo. I commissari Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici hanno chiesto chiarimenti all'Italia sul mancato rispetto degli impegni di diminuzione del deficit strutturale e sull'entità delle spese sostenute per gli eventi eccezionali, come crisi dei migranti e terremoto, inseriti nel bilancio 2017. Pare che a Bruxelles non siano entusiasti dei nostri conti.
E probabilmente hanno pure ragione, dacchè quei conti inviati alla Ue sono il risultato di vaghi impegni, di presunti tagli, di improbabili aumenti di entrate e di una partita di giro, dove alla fine la risultante è sempre quella di un debito pubblico tra i più alti al mondo: 2.300 miliardi! Ma a questo punto del baratro nel quale siamo sprofondati, quello che dice Bruxelles è del tutto relativo, considerata l’inconsistenza del governo europeo di fronte ai grandi temi che affliggono il Vecchio continente. Gli inglesi l'hanno capito e se ne sono andati. Un lusso che noi non possiamo permetterci, almeno per ora, anche se questo non vuol dire che dobbiamo restare sul ring a prendere una raffica di pugni senza mai assestare un nokaut alla Troika. Il concetto deve essere chiaro una volta per tutte: a casa nostra decidiamo e comandiamo noi, noi italiani! Non lo Spread - di cui oggi si sono perse le tracce e non certo perché al momento l’Italia naviga nell’oro - che fu strumentalizzato per far cadere l’allora governo Berlusconi di concerto con la famigerata “lettera” della Commissione Europea, sotto la regia di Giorgio Napolitano. Purtroppo oggi stiamo ancora pagando il prezzo di quel 'colpo di stato' che fece fuori Berlusconi, prima per Monti, poi per Letta e adesso imponendoci Renzi. Se non ci piace questo "premier senza voto" - e a noi non piace per niente - abbiamo gli strumenti per rispedirlo al mittente. Il più efficace e immediato è votare NO al referendum del 4 dicembre. Un NO non solo al pasticciaccio della schiforma costituzionale e a tutti i suoi autori nel nome del popolo sfruttato, precarizzato, senza lavoro, sottopagato, impoverito e tar-tassato, ma un NO anche alla Troika, un NO alle politiche renziane, un NO al Jobs Act, alla Buona Scuola, alla Legge Fornero, al Decreto Madia. E ancora, un NO alla distruzione dello stato sociale, alle privatizzazioni, ai tagli alla sanità, agli interventi sulle pensioni a favore delle banche, al Ttip. La Commissione pretende una risposta chiara dal governo Renzi sul Def entro e non oltre giovedì 27 ottobre? Se Bruxelles ha la pazienza di attendere fino al 4 dicembre riceverà una risposta molto più autorevole ed esaustiva dal popolo italiano!

5 commenti:

  1. renzie si preoccupa dei migranti e mai degli Italiani... ora fa la voce grossa con Bruxelles per far vedere che lui ha potere sull'Europa come se noi fossimo scemi e non ci accorgiamo che sono perfettamente d'accordo... un po' di "cattiveria" in vista del referendum non guasta in realtà sembra una pulce che ha la tosse, che abbaia ma non morde... ma del resto come si può mordere la mano che ti campa?

    RispondiElimina
  2. Ma noi popolo di letterati e navigatori, non scriviamo mai lettere agli altri con la lavata di testa perchè non fanno questo o quelllo? No, mai, sempre servi di qualcuno.

    RispondiElimina
  3. Basta guardarlo in faccia il toscano per capire in che brutte mani e' finito il nostro paese. Se gli italiani non sanno come sbarazzarsi di questo pericoloso folle e dei suoi accoliti vuol dire che sono rinstupiditi ancora di piu'.

    RispondiElimina
  4. dato che continua a prendere per i fondelli gli italiani con le sue immagginarie manovre e falso buonismo migratorio dall'africa, con quella faccia tosta da mr bean pensa di fare altrettanto anche con la comminssione europea, se sbagliato di grosso. Tic...toc....tic....toc......caro toscano, il 4 dicembre e' vicino, se sei di "onorabile parola", preparati il bagaglio e trovati altra aria nuova.

    RispondiElimina
  5. Quando Renzi andrà via l'Italia sarà salva, ma poi dove lo trovate un'altro a cui addossare tutte le colpe del mondo così comodamente... Vi consiglio l'ippica

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)