Gioavni disposti a rinunciare ai propri diritti pur di avere un lavoro!

Ormai è stranoto il concetto chiave della globalizzazione, al quale neppure l'Italia, un tempo patria del diritto e dei diritti, è capace di sottrarsi: non potendo più svalutare la moneta, passata sotto l'egida della Troika, i governi nazionali, in primis quello italiano, svalutano il lavoro abbassando gli stipendi ai minimi sindacali e cancellando i diritti dei lavoratori! Tant'è che il 65% dei giovani romani è pronto a rinunciare
a contratti regolari e diritti dei lavoratori. Questo perché per i nati negli anni '90, e ancora di più per i millenials (i nati dopo il 2000), la crisi è lo scenario nel quale sono cresciuti e la precarietà lavorativa non è solo un argomento di discussione, ma un'esperienza concreta. Sono questi i risultati della ricerca "Avere 20 anni, pensare al futuro" realizzata da Acli di Roma e provincia e Cisl di Roma Capitale e Rieti in collaborazione con l'Iref.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)