giovedì 13 ottobre 2016

Il robot da Vinci, il chirurgo più bravo al mondo!

Si è conclusa in questi giorni, a Napoli, la kermesse 'Futuro Remoto', dove la tecnologia avanzata è stata la protagonista assoluta. Una delle maggiori attrattive del 'villaggio della scienza' è stato il robot da Vinci, che è in grado di esperire la chirurgia robotica con grande efficacia. Il sistema si compone di quattro bracci, di cui tre sono strumenti che mantengono oggetti come bisturi e forbici, e il quarto braccio sostiene una telecamera.
Il chirurgo, fisicamente lontano dal campo operatorio e seduto a una postazione dotata di monitor e comandi, muove i bracci del robot, collegati agli strumenti endoscopici, che vengono introdotti attraverso piccole incisioni. Il campo operatorio è proiettato tridimensionalmente, con immagini ferme e ad altissima risoluzione. Il robot da Vinci è il più evoluto sistema robotico per la chirurgia mininvasiva. Le sue caratteristiche tecniche fanno sì che il robot trovi diverse applicazioni, dall'urologia alla ginecologia, dalla chirurgia toracica alla chirurgia generale. Il robot fa beneficiare i pazienti di una tecnologia all’avanguardia, che dà la possibilità di riduzione del dolore post operatorio, minori tempi di degenza e un recupero precoce. I vantaggi della chirurgia robot-assistita sono: Piccole incisioni con riduzione del traumatismo tissutale; Minore sanguinamento e minore necessità di trasfusioni; Riduzione della degenza e del dolore post-operatorio;Riduzione dei tempi di recupero; Più rapida ripresa nello svolgimento delle attività quotidiane; Maggiore facilità nell'esecuzione delle manovre chirurgiche complesse; Maggiore sicurezza per il paziente.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)