La circolare di Renzi alle scuole: "Parlate bene dell'immigrazione".

di Grazia Nonis. Durante la seconda guerra mondiale, la Germania si servì del cinema come strumento di propaganda per affermare le idee del Nazionalsocialismo. La manipolazione della realtà da propinare al popolino. Ieri, 3 ottobre, il governo italiano ha fatto pressappoco la stessa cosa: una circolare del Ministero dell’Istruzione, sulla ricorrenza della giornata delle vittime dell’immigrazione, ha “invitato” tutte le comunità scolastiche a discutere e diffondere la cultura dell’informazione, dell’accoglienza, della pace e del rispetto dei diritti umani. Riflettere e dibattere sulla diversità culturale, linguistica, etnica che si crea all’interno di un gruppo all’arrivo di uno o più stranieri, ed all’eventuale discriminazione ed esclusione dei migranti
e dei richiedenti asilo sia in Italia che in Europa. In parole povere, le scuole italiane sono state invitate a far entrare nelle zucche dei nostri studenti un messaggio governativo a senso unico: la conoscenza dell'asilo e della condizione di vita dei rifugiati in Italia e le difficoltà legate al viaggio e le violenze che sono costrette a subire nei paesi di transito. La mancata conoscenza di tali difficoltà “potrebbe determinare una visione distorta del fenomeno, rischiando di alimentare atteggiamenti discriminatori nei confronti dei richiedenti asilo e dei rifugiati.” Per decisione del governo, approvata dal parlamento, la giornata del 3 ottobre è divenuta "Giornata delle vittime dell'immigrazione" . A tutti gli studenti è stata caldamente consigliata la visione del film "Fuocammare", trasmesso da Rai3. I nostri ragazzi non sono degli stupidi! Hanno occhi, orecchi, leggono, studiano e, si spera, pensano con la loro testa. Per la malora! Si saranno pur fatti un’idea sulla marea di migranti, clandestini, profughi e rifugiati che si sono riversati in massa sulla nostra penisola. Avranno certamente capito che ci sono profughi che è giusto e doveroso aiutare, e “finti” profughi che ciurlano nel nostro manico. I nostri giovanotti e le nostre giovanette si staranno chiedendo perché il governo li consideri alla stregua di un branco di deficienti ai quali è indispensabile fare il lavaggio del cervello. Anzi, probabilmente tanti di loro pensano l’esatto contrario, e cioè che il lavaggio del cervello sia da fare al governo e non a loro. E chissà quanti di loro già temono il tema su “Fuocammare”. Quelli che non condividono il pensiero del nostro governo saranno costretti a mentire? Che trattamento sarà riservato ai coraggiosi che avranno l’audacia di esprimere un’opposta verità? Dobbiamo temere che i loro scritti potrebbero essere inviati a Roma e messi al vaglio degli inquirenti e i loro nomi schedati? I professori saranno in grado di rispettare l’opinione dei loro studenti, oppure li costringeranno dietro la lavagna infilandogli in testa il cappello del razzista?

9 commenti:

  1. Ore 11.30. Sto spiegando le guerre settecentesche in una quarta. Arriva la bidella con una delle numerose circolari da firmare e da leggere ai ragazzi. Firmo e leggo. Sulla circolare vi è scritto che per decisione del governo, approvata dal parlamento, la giornata del 3 ottobre è divenuta "Giornata delle vittime dell'immigrazione" e che si consiglia a tutti i ragazzi la visione su Rai Tre del film "Fuocoammare" che andrà in onda quella sera. Mi sento profondamente umiliato nella mia professionalità. A ragazzi ai quali cerco di sviluppare desiderio di conoscenza e senso critico sto consigliando (seppure solo come lettore di cose scritte da altri) un misero documentario di propaganda, una schifezza pietistica che deve servire a lavare il cervello alla gente, ad accettare come buona l'immigrazione di massa senza regole. Mi sento ridotto a megafono dell'ideologia dominante. Per fortuna mi salva la battuta di un ragazzo: "'Iri sera c'era James Bond, ma mica me l'avete detto'. Gli faccio un grande sorriso.

    RispondiElimina
  2. Ma, a scuola non si dovrebbe insegnare la verita??? La verità è che non ci sono profughi se non in minima parte, ci sono per lo più clandestini che vengono in Italia a farsi mantenere a sbafo dagli italiani con il beneplacito dello stesso Governo ed a scapito dei quasi 5 milioni di italiani che muoiono di fame!!! Invece di emettere ed obbligare a leggerle in classe circolari demenziali, renzi farebbe bene a pensare ai nostri poveri concittadini che non riescono neanche a fare un pranzo mentre i clandestini hanno tre pranzi assicurati nonché l'alloggio.

    RispondiElimina
  3. a cosa inaccettabile è che tutto ciò avvenga nel silenzio dell'opposizione. Da giorni sulla RAI passano documentari e servizi tesi a glorificare i salvatori di migranti e cantare le lodi dei clandestini che "scappano dalle guerre". E’ una falsità clamorosa dimostrata dai numeri forniti dalle stesse autorità, dai quali risulta che la stragrande maggioranza non scappa da nessuna guerra e non hanno diritto d'asilo. Ma continuano a ripetere il mantra ogni giorno, su tutti i TG, talk show, documentari e servizi speciali, fino a plagiare le menti e rincretinire la gente. Nemmeno il fascismo arrivava ad una simile falsificazione della realtà e manipolazione dell’informazione con l’uso ed il controllo di tutti i media: stampa, TV, internet e perfino cinema e spettacolo; fra l’altro utilizzando per la propaganda di Stato (anzi di partito, meglio del PD) il servizio pubblico Rai pagato dai contribuenti. Perché nessuno reagisce?

    RispondiElimina
  4. seconda media, un alunno chiede al prof. di togliere il crocefisso, al diniego, risponde che presto ci penseranno loro a toglierli tutti. fatto avvenuto in una scuola media statale in un paese di 2000 abitanti. ovviamente in casa del giovane immigrato si insegna l'integrazione.

    RispondiElimina
  5. Questi governanti da 4 soldi vogliono decidere pure come dobbiamo pensare e cosa dobbiamo vedere in tv . E parlano di democrazia. Potremmo fargli del male, fra due mesi , e anche molto.

    RispondiElimina
  6. Incredibile! Questa non è democrazia! La dittatura ormai è alle porte. Saremo senza scampo se non lo cacceremo via alla prima occasione in cui saremo chiamati al voto.

    RispondiElimina
  7. "Parlate bene dell'immigrazione". Signor Renzi, perché non va a dirlo a quella signora di Monteverde che gli hanno spappolato la milza o alla figlia degli immigrati di Palagonia trucidati da un ivoriano o ancora a quel poliziotto in fin di vita investito da un marocchino?

    RispondiElimina
  8. Tipiche estrinsecazioni del pensiero unico, connotazione inequivocabile del regime sinistro. Ma la scuola di sinistra non era quella che rifiutava ogni imposizione? non era la suola che rivendicava di criticare senza pregiudizi ogni fatto che fosse storia dell'umanità? I sigg. insegnanti che andavano orgogliosi della loro fede sinistrorsa, non erano quelli che si dicevano liberi e non sottoposti al pensiero dominante? cosa sono diventati oggi sotto il regime della buona scuola? poveri esecutori di un volere politico che,in cambio di qualche mazzetta, li obbliga a fingere di insegnare...

    RispondiElimina
  9. Giusto,parliamo bene degli immigrati:parliamo bene di quelli che massacrano anziani indifesi per rubare pochi euro,parliamo bene di quelli che girano con machete,tagliando braccia, e di quelli che girano con picconi,spaccando teste.Parliamo bene di coloro che gettano il cibo che gli viene offerto perché non di loro gradimento mentre gli italiani poveri farebbero carte false per averlo.Parliamo bene di tutti quelli che arrivano in Italia e pretendono casa,soldi,cibo,vestiario,cellulare e internet immediatamente.Parliamo pure di tutti gli immigrati clandestini che spacciano impuniti.Ma degli italiani in difficoltà economiche che se ne occupa?Degli italiani senza lavoro chi provvede?Degli italiani anziani privi di risorse chi se ne fa carico?Ah scusate:gli italiani non sono redditizi per nessuna onlus o coop,perciò non se ne occupa nessuno!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)