L'Italia di Renzi 'cambia verso': giovani più poveri degli anziani e più italiani che migranti in fila alla Caritas!

Renzi doveva 'cambiare verso' all'Italia e c'è riuscito! Il vecchio modello italiano di povertà, che vedeva gli anziani più indigenti, non è più valido: oggi la povertà assoluta risulta inversamente proporzionale all'età, cioè diminuisce all'aumentare di quest'ultima. Infatti, oltre al problema disoccupazione, i giovani italiani 'soffrono' di stipendi che non solo sono tra i più bassi d'Europa, ma che sono addirittura di gran lunga inferiori alle buste paga di cui, invece, 'godono' i loro genitori! Lo rivela il Rapporto 2016 della Caritas su povertà ed esclusione sociale.
La persistente crisi del lavoro ha infatti penalizzato e sta ancora penalizzando soprattutto i giovani e giovanissimi in cerca di occupazione e gli adulti rimasti senza impiego. Un altro fondamentale 'cambio di verso' imposto dalle politiche economiche del governo Renzi vuole che a mettersi in fila alla Caritas sono più italiani che migranti! Secondo il rapporto, infatti, sono sì gli stranieri a chiedere aiuto ai Centri di Ascolto della Caritas, ma per la prima volta, nel 2015, al Sud la percentuale degli italiani ha superato di gran lunga quella degli immigrati. Se a livello nazionale il peso degli stranieri continua a essere maggioritario (57,2%), nel Mezzogiorno gli italiani hanno fatto il 'sorpasso' e sono al 66,6%. I centri Caritas sono 1.649, dislocati su 173 diocesi.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!