NO RENZI DAY.

È finita la luna di miele tra Renzi e gli italiani. A parte Obama, Marchionne, Confindustria, Jp Morgan e la Merkel, in pochi sono rimasti a supportarlo. Ieri è stato il giorno dello sciopero generale convocato dai sindacati di base nella pubblica amministrazione e nei trasporti locali, nella sanità, nella logistica "per la difesa dei diritti del lavoro e dello stato sociale, per difendere e applicare la Costituzione del 1948, per dire basta al governo Renzi e al massacro sociale". Oggi, Sabato 22 ottobre, a Roma, alle 14, partirà il corteo del "No Renzi Day" da Piazza San Giovanni per trasformare il "No" al referendum costituzionale del 4 dicembre in un "No sociale" contro le politiche del governo Renzi sul lavoro, la scuola e le grandi opere. Per dire "No" alla Controriforma Costituzionale e a tutti i suoi autori nel nome del popolo sfruttato, precario, senza lavoro, impoverito, avvelenato.
Al centro della protesta, i temi "sociali" del Paese: il lavoro, la formazione e la scuola pubblica, la casa, il reddito, lo stato sociale e i beni comuni in mano pubblica. E ancora l’ambiente, la democrazia e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Ma soprattutto, ed è chiaro il riferimento dell'endorsment di Obama alla riforma di Renzi, la libertà e la sovranità democratica del popolo italiano, oggi sottoposta ad un vergognoso attacco da parte dei governi degli Usa, della Germania e dalla burocrazia della Ue. Una due giorni di mobilitazione per dire a Renzi che il «No» al referendum non è solo materia per costituzionalisti ma è l’espressione dell’opposizione alle politiche renziane! Il "No" alla Controriforma costituzionale del governo è un "No" a Confindustria, alle banche e all'Unione europea. È un no al Jobs Act, alla precarietà sociale, alla Buona Scuola, alla Legge Fornero, al Decreto Madia, alla Tav e alle Grandi Opere. E ancora, è un "No" alla distruzione dello stato sociale, alle privatizzazioni, ai tagli alla sanità, agli interventi sulle pensioni a favore delle banche, al Ttip. Un "No", senza se e senza ma, al governo Renzi!

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!