mercoledì 5 ottobre 2016

Benigni 'Sì' schiera: "Se vince il No sarà peggio della Brexit"!

Roberto Benigni, più volte tirato per la giacchetta per sapere come avrebbe votato per il referendum costituzionale, finalmente ha sciolto ogni riserva, e lo ha fatto nella puntata delle Iene del 4 ottobre: "La Costituzione è stata un miracolo, resta la più bella del mondo. I padri costituenti sono stati dei giganti perché hanno illuminato le macerie.
L'Italia è rialzata grazie a loro. Ma ora è necessaria una revisione, nonostante nella riforma qualche cosa sia da rivedere. Se vince il No sarà peggio della Brexit. È indispensabile che vinca il Sì. Bisogna pensare al bene degli italiani". Forse questa è una delle peggiori 'battute' del premio Oscar, tanto che qualche buontempone propone addirittura di ritirarglielo! Una cosa è certa, quando 'loro', dall'alto del proprio status quo, "pensano al nostro bene", questo ci fa pensare quasi sempre molto male! Per fortuna che a votare e a pensare al nostro bene saremo in milioni di italiani chiamati finalmente alle urne per esprimerci nel merito di una riforma non certo "illuminata" da un governo di "giganti", ma pasticciata da una combriccola di nani, mai eletti, che ci sta lasciando morire sotto le "macerie" di un Paese sfasciato da anni di mala-politica!

9 commenti:

  1. quanti pagliacci in italia esercitano il diritto di opinione, ma questo è il bello di quella democrazia che loro vorrebbero azzoppare con questa riforma della Costituzione, per questo io DICO NO!

    RispondiElimina
  2. ma smettila di dire battute così sterili che fanno piangere. io voto no e ne vado fiero. se mi dessero la possibilità di uscire dall'euro altrettanto. per te che vivi con i potenti è un pò diverso. lo capisco e per questo che non ti dico parolacce. ma smettila di fare spot. perchè gratis non esiste per i cattokomunisti.

    RispondiElimina
  3. Benigni: il nuovo costituzionalista al servizio del capetto, la comicità che diventa cultura giuridica.

    RispondiElimina
  4. Ma che bel cast di comici: renzi e benigni sono riusciti a farmi ridere più di frassica e letizzetto! con questi al governo.... stiamo tutti sereni!

    RispondiElimina
  5. Ma è lo stesso Benigni che si schierò per il no quando passò la riforma costituzionale del Berlusca? Se non erro, allora la nostra costituzione era la più bella del mondo ed i costituenti l'avevano appunto voluta rigida? Adesso il contrario? Buffone ed ipocrita come tutti i sinistrorsi. Probabilmente se domani ti dessero un compenso di 1,5 milioni di euro andresti in televisione a sostenere il NO. Mio caro Benigni, per tua informazione, la Gran Bretagna non è mai andata bene come dopo la Brexit. Gli unici con il morale a terra sono tutti i tuoi simili che avevano previsto una catastrofe e, come al solito, non ci hanno azzeccato per niente. Maestri nel non prenderne una o, comunque, arrivarci sempre lustri dopo gli altri.

    RispondiElimina
  6. Benigni????? Ecco un'altra buona ragione per votare NO. Votano SI tutti i ricchi e privilegiati che nulla hanno a che vedere con noi che tiriamo la carretta tutti i giorni.

    RispondiElimina
  7. Lui e l'altro sembrano essersi scambiati i ruoli. Il "pinocchio" artista e giullare d'Italia è diventato talmente penoso che non fa ridere più nessuno. L'altro (il bullo bugiardo) invece, ogni giorno che passa fa più ridere di lui. La cosa peggiore è che entrambi non si rendono conto della loro metamorfosi.

    RispondiElimina
  8. La riforma renzi-boschi è un ponte verso il nulla!

    RispondiElimina
  9. minKiaSignorTenente05 ottobre, 2016

    Il fatto che la Merkel, le Banke, la Troika, Confindustria, Marchionne e adesso pure Benigni dicono di votare Sì, è un ulteriore ragione per votare NO!

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)