Selvaggia: "Ho dato un cellulare a mio figlio, ma lo spio".

Oggi si viaggia a duemila all'ora ed è estremamente difficile lavorare, badare alla casa, prendersi cura della propria persona, dei genitori anziani, di marito e figli. E allora quale migliore soluzione se non quella di "equipaggiare" con un bel cellulare le
persone a cui teniamo di più, in  modo tale da averle sempre "sotto controllo"? Ognuno è libero di prendersi cura degli affetti più cari come meglio crede, ma quando si tratta di adolescenti, allora a quale età è più opportuno dargli un cellulare? Questa è la domanda che al giorno d'oggi si pongono molti genitori. "Sull'opportunità o meno di dare un cellulare a un bambino di 11 anni si può discutere. Io ho ceduto un mio vecchio cellulare a Leon da poco e lo usa per tenersi in contatto con me quando è fuori casa, per comunicare con gli amici e con i parenti". È quanto scrive Selvaggia Lucarelli sulla sua pagina Facebook. Ed ecco il suo perché: "Questo non vuol dire che Leon possieda un telefono. Leon utilizza un telefono, che è una cosa diversa. E io controllo quello che fa con quel telefono, conosco il codice pin, tengo sotto controllo la situazione. Lui ne è al corrente e non gliene frega nulla. Ecco. Secondo il mio parere - e raramente sono stata così convinta di aver ragione in vita mia - il telefono a quell'età si concede solo se si controlla quello che il figlio fa con quel telefono. Se glielo si lascia senza monitorare si affida una pistola in mano a un bambino e francamente si rischia non solo che si faccia male quel bambino ma che per colpa sua si facciano male anche quelli degli altri. Ergo, amici genitori, guardate nei cellulari dei vostri figli perché io poi, quando leggo cose o vedo status per cui prenderei a schiaffi anche ragazzi di 20 anni, faccio fatica a dare la colpa ai minorenni. E mi spiace ma non controllare non è fidarsi. È essere irresponsabili. Io non mi impiccio. Faccio la madre. Datemi retta. Fate i genitori, non gli amici dei vostri figli.".

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)