Spezzeremo le reni all'Europa!?

di Adolfo Treggiari. Il "bullo di Firenze", come è stato autorevolmente definito, ha deciso di mettere l'elmetto e di dichiarare guerra all'Europa. Dichiarazioni di fuoco, minacce e ricatti, qualcuno parla di truppe italiane in marcia verso Bruxelles. Ma gli alti membri della UE tacciono, la Commissione non si scompone, in pratica nessuno se lo fila. Perché? Ma perché da quelle parti ormai lo conoscono, lo hanno inquadrato, capiscono benissimo che è solo un bluff, una sceneggiata dettata dal momento politico che attraversa l'Italia. È' quello che capiscono anche i cittadini italiani ormai arcistufi dei trucchetti del 'Bomba'. Vuole vincere il referendum ad ogni costo,
e attaccare l'Europa oggi porta voti. Vero, ma solo se si fa sul serio, se ai tavoli dei negoziati si pongono questioni serie, se si ricercano le alleanze possibili, se si persegue un interesse non solo nazionale. Ma tutto ciò non è nelle corde del presidente del consiglio italiano che alterna gli atteggiamenti da 'amico' e 'piacione' alle petulanti richieste di flessibilità. Poi, visto che non gli danno retta, batte i piedi per terra e fa i capricci. Non è una cosa seria, lo sanno tutti. Il 4 di dicembre la musica cambierà di nuovo, in un senso o nell'altro. Quel che è certo è che alla celebrazione di primavera a Roma per l'anniversario della firma dei trattati istitutivi dell'Europa unita si tornerà a 'baci e abbracci' come se nulla fosse. È la politica, quella loro.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)