mercoledì 2 novembre 2016

Ceta, le multinazionali festeggiano!

di Emilio Stagni. Il premier canadese Justin Trudeau ha firmato il 30 ottobre, a Bruxelles, con il presidente del Consiglio UE Donald Tusk il trattato di libero scambio tra Unione Europea e il Canada, denominato "CETA". Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha commentato "Tutto è bene quel che finisce bene".
Il trattato entrerà "provvisoriamente” (quindi dicasi definitivamente) in vigore subito dopo l’approvazione del Parlamento Europeo. La ratifica ufficiale da parte degli Stati membri avverrà successivamente, e il trattato rimarrà in essere persino nel caso in cui uno o più Stati membri votassero contro l’accordo. E poi dopo il CETA verrà il TTIP. Ma non c'è fretta. Le maggiori filiali delle multinazionali statunitense sono presenti in Canada grazie all'accordo per il libero scambio esistente tra i due paesi. Si chiama NAFTA (North American Free Trade Agreement). Vi ricordate del Cavallo di Troia?

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)