Chi trova una buona suocera... trova un tesoro!

di Valeria Zeppilli. Lo diceva già Decimo Giunio Giovenale: "non c'è da sperare concordia familiare finché è in vita tua suocera". E le cose non sono cambiate neanche ai giorni d'oggi, anzi: i problemi che generano le suocere sono finiti persino al vaglio della Cassazione
Vuoi per le indebite ingerenze nella vita di coppia, vuoi per presunti atti persecutori nei confronti di chi le ha portato via il figlio o la figlia, non sono rare le ipotesi in cui i giudici si sono confrontati con questioni familiari che vedevano coinvolta la mamma del coniuge. Vediamone alcune. Con la sentenza numero 4540 del 24 febbraio 2011, ad esempio, la Corte ha ritenuto che non possa essere addebitata la separazione al coniuge che decide di abbandonare la casa coniugale perché non riesce più a sostenere la presenza della suocera invadenteIn caso contrario, se cioè si vuole restare a casa propria, "cacciare" la mamma del coniuge è legittimo: con la sentenza numero 47500/2012 i giudici hanno addirittura affermato che, se una coppia è separata (anche solo di fatto), la suocera deve stare alla larga dall'ex casa coniugale e se non lo fa può essere chiamata a rispondere penalmente per il reato di violazione di domicilioDetta in questo modo, sembrerebbe quasi che la povera suocera sia uscita dalle aule di giustizia sempre sconfitta: ma non è così! Si pensi a quanto deciso dalla quinta sezione penale della Cassazione con la sentenza numero 34247/2009, che ha dato il via libera alle offese rivolta all'amante del genero che ha contribuito alla distruzione della famiglia di sua figlia: gli insulti sono giustificati dal legame con la persona offesa e giustificano il riconoscimento dell'esimente della provocazione! Invece va condannato per ingiuria il marito che offende la suocera davanti alla moglie, anche se lei non c'è: dal testo della sentenza numero 35874/2009, infatti, si legge chiaro e tondo che "quando sussiste uno stretto legame parentale fra la persona alla quale le espressioni offensive sono comunicate e quelle destinataria delle offese" tale condotta si traduce "in una mancanza, nei confronti del percettore di tali espressioni, del rispetto che, quale componente della dignità umana, è dovuto a ciascuno dei consociati". Le barzellette, insomma, non sono solo fantasia ma anzi: si può proprio dire che chi trova una buona suocera deve considerarsi davvero fortunato!

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)