venerdì 4 novembre 2016

Dimagrire... camminando, ma in salita!

Dimagrire camminando è possibile! La camminata è un'ottima attività aerobica di intensità media, senza urto né traumi per le articolazioni, quindi è adatta anche a chi è in forte sovrappeso. Accessibile a tutti, aiuta a tonificare il tuo cuore, migliora la salute cardiovascolare, modella il corpo, ridisegna armoniosamente la silhouette - glutei, cosce, braccia, spalle - e aiuta ad eliminare lo stress accumulato.
Spesso, tuttavia, questa attività viene praticata in modo sbagliato o, comunque, non nel modo più efficace, con la conseguenza che non se ne traggono i benefici sperati, tra cui sicuramente quello di accelerare il metabolismo. Per ottimizzare le 'passeggiate', esistono semplici regole da seguire, come ad esempio camminare o fare le scale a piedi e rigorosamente 'in salita', che è un modo eccellente per bruciare grassi e calorie perché, andando ad aumentare il carico di lavoro con la pendenza e il consumo energetico, si può bruciare fino al 40% di calorie in più rispetto alla camminata in pianura. Inoltre la salita è ideale per far lavorare bene la muscolatura di glutei, cosce, braccia, spalle e non solo. Durante la salita, infatti, viene attivata tutta quella muscolatura che dà sostegno alla colonna, addominali compresi. Se non si ha la possibilità di praticare uno sport e si ha qualche chiletto di troppo, programmare due, tre volte a settimana una bella camminata a passo veloce, magari con qualche salita, e seguire una dieta sana è certamente un'ottima alternativa alla palestra, per mantenersi in buona salute e per il benessere psico-fisico dell'organismo.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)