giovedì 10 novembre 2016

Il cemento 'vivente' che si ripara da solo grazie ai 'batteri-muratori'.

Un cemento 'vivente', capace di auto-riparare le lesioni provocate da eventi catastrofici grazie a 'batteri-muratori' modificati geneticamente. E' stato progettato dai ricercatori coordinati da Martyn Dade-Robertson, dell'università britannica di Newcastle, e potrebbe essere utilizzato per costruire fondamenta più sicure, capaci di ripararsi e persino di fabbricarsi da sole. I ricercatori si sono ispirati al batterio realizzato da un gruppo di studenti della stessa università,
chiamato BacillaFilla, in grado di riparare lesioni nel calcestruzzo grazie alla produzione di carbonato di calcio e una colla a base di zuccheri. Il gruppo di Dade-Robertson ha però utilizzato un batterio molto comune, l'Escherichia coli. Il primo passo è stato individuare in esso i geni che rispondono ai cambiamenti di pressione dell'ambiente. Quindi il Dna è stato modificato in modo da produrre una proteina che si illumina quando si 'accendono' i 122 geni sensibili ai cambiamenti di pressione. Il terzo passo in programma è sostituire il gene che produce la proteina fluorescente con geni che fabbricano sostanze simili a quelle prodotte dal BacillaFilla e che si dovranno attivare ogni volta che il batterio percepisce movimenti del suolo e cambiamenti nella pressione. La produzione del 'biocemento' sarà, inoltre, controllata da un software in grado di prevedere come il microrganismo reagisce alle forze nel sottosuolo, come la pressione dell'acqua. “E' un campo davvero emozionante” ha osservato Robertson.

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)