Il futuro del mattone: crescita di prezzi e transazioni!

Tra tutte le città, Roma e Milano rimangono quelle sulle quali si concentrano gli interessi degli investitori immobiliari: il capoluogo lombardo si attesta al primo posto tre volte su cinque (comparti residenziale, direzionale e commerciale); Roma, seguita da Firenze e Venezia, conferma il suo primato per gli investimenti in alberghi, guadagnando il secondo posto nel comparto commerciale e residenziale (insieme a Torino). Tra le new entry si segnala Catania, ultima delle top five nel comparto alberghiero. Torino conquista la vetta della classifica di attrattività per il comparto industriale.
Comunque, il residenziale resta il volano del settore immobiliare, che presenta segnali di un notevole miglioramento rispetto al passato e sul quale gli operatori sono ottimisti. Secondo gli ultimi dati dell'indice Fiups - elaborato dall'Università di Parma, in collaborazione con Sorgente Group e Federimmobiliare - migliora, infatti, la prospettiva del mattone e un 61% degli intervistati si aspetta un'ulteriore crescita delle transazioni. Secondo l'indice, nel secondo quadrimestre sale al 52% la percentuale di coloro che ritengono che l'attività sia migliorata nel corso dell'ultimo anno e scompare del tutto la percentuale di quanti si aspettano un peggioramento. Per quanto riguarda il residenziale, il 61% del campione, a fronte di una risalita dei prezzi, prevede una crescita delle transazioni, che insieme all'aumento dei mutui e ai bassi tassi d'interesse lascerebbe pensare ad un vero e proprio volano complessivo, con effetto traino sul comparto commerciale e su uffici e alberghi.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!