Il preavviso di fermo amministrativo sul veicolo è illegittimo se il bene è strumentale.

di Emanuela Foligno. La Commissione Tributaria Provinciale di Milano, nella sentenza n. 6074/46/16 dell'8 luglio 2016, ha analizzato una impugnativa in danno di Equitalia Nord concernente quattro preavvisi di fermo amministrativo su veicolo. La particolarità della vicenda risiede nel fatto che l'impugnativa è stata proposta contro il Preavviso di Fermo Amministrativo che, come noto, è atto prodromico al Fermo Amministrativo vero e proprio,
e che il mero Preavviso non è contemplato nel codice tributario quale atto impugnabile. La notifica dei quattro preavvisi di fermo amministrativo è stata effettuata in danno di un libero professionista che svolge la professione di Avvocato e Procuratore della Repubblica. Quello che il ricorrente ha contestato a Equitalia non è il merito dell'entrata tributaria in sé, bensì l'illegittimità del preavviso di fermo per la violazione dell'art. 86 del DPR 602/73, novellato dalla Legge 98/2013, il quale dispone che è illegittima l'iscrizione del fermo amministrativo sul veicolo se lo stesso è strumentale all'esercizio dell'attività o della professione svolta dal contribuente interessato dal fermo stesso.
La norma sopra citata pone tre condizioni:
1. il veicolo oggetto della procedura di fermo deve essere di proprietà del debitore;
2. il debitore deve essere un esercente di una professione o di un'attività imprenditoriale;
3. l'utilizzo del veicolo deve avere una certa rilevanza nell'attività lavorativa del debitore, fornendo i ricavi caratteristici dell'attività. 
La prima e la seconda condizione devono essere provate documentalmente. La terza condizione è più complicata, e qui emerge il vulnus dell'art. 86 comma 2, che è quello della adeguata dimostrazione della strumentalità del bene.
Quindi, quando il bene è strumentale? Al riguardo le Circolari dell'Agenzia delle Entrate (n. 37/E/1997, n. 48/E/1998, n. 1/E/2007) e la Risoluzione n. 59/E/2007 indicano che il requisito della strumentalità deve essere comunque circoscritto ai soli casi in cui il conseguimento dei ricavi caratteristici dell'impresa e/o del professionista dipendano direttamente dall'impiego del veicolo. Ed ancora il veicolo in questione deve essere iscritto nel libro cespiti e deve essere l'unico veicolo posseduto dal contribuente. Ed ancora, bisogna distinguere tra veicoli strumentali per natura e veicoli strumentali per utilizzo o destinazione. Pacifico che per un libero professionista si discorra di una strumentalità per utilizzo o destinazione, che a sua volta è suddivisa in tre sottocategorie: veicoli utilizzati con finalità pubbliche (taxi), veicoli utilizzati per destinazione esclusiva (macchine marcate scuola guida o enti locali, ecc.) e tutti gli altri veicoli ad uso aziendale o professionale. Il problema sorge proprio per la terza sottocategoria che non può essere preventivamente apprezzata e definita dall'Agente della Riscossione. E' dunque necessario provare in maniera adeguata che il veicolo oggetto di fermo amministrativo non è sostituibile con altro mezzo e che il relativo utilizzo sia effettivamente inerente e funzionale all'esercizio dell'attività professionale e alla produzione dei relativi proventi. Ed infatti nel ricorso introduttivo sono state dettagliatamente indicate le ragioni di impossibilità a svolgere la libera professione senza l'utilizzo del veicolo oggetto di preavviso di fermo. All'udienza tenutasi per la discussione dell'istanza di sospensione (concessa poi dalla Commissione Tributaria) è stato evidenziato che nelle more Equitalia aveva trascritto il Fermo Amministrativo sul veicolo. (Nonostante il provvedimento della C.T.P. di accoglimento della sospensiva Equitalia si è rifiutata di cancellare il Fermo Amministrativo). Alla discussione del merito della vicenda è stato evidenziato che l'Agenzia delle Entrate ha specificato che il requisito della strumentalità sussiste solo nei casi in cui il conseguimento dei ricavi del professionista dipenda direttamente dall'utilizzo del veicolo e che la strumentalità non deve essere riferita ad alcune fasi dell'attività, ma a tutto l'insieme dell'attività svolta non essendo rilevante il mero disagio nel mancato utilizzo del veicolo.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!