lunedì 28 novembre 2016

In attesa di quel liberatorio 4 dicembre...

Ad una settimana dal voto referendario, Barbara D’Urso ha ospitato a ‘Domenica Live’, separatamente, prima Silvio Berlusconi, e subito dopo Matteo Renzi, per conoscere le loro intenzioni di voto e le loro aspettative dopo il referendum. Silvio ha dichiarato di votare ‘No’ e di volere tornare in politica. Matteo ha detto di votare ‘Sì’, ma non ha confermato di lasciare la politica, come aveva promesso, qualora dovesse perdere il referendum.
Insomma, le solite chiacchiere trite e ritrite, dove il vecchio si confonde col presunto nuovo, dove l’unica voglia, a parte cambiare canale, è quella stimolata dalle gambe in primo piano dell'avvenente conduttrice. Per il resto solo tanta noia e neppure la forza d'indignarsi, tanto lunedì 5 dicembre, comunque vada il voto, ci ritroveremo sempre con le tasche vuote, i soliti problemi e molto probabilmente con due ex premier alla ricerca della poltrona smarrita!

1 commento:

  1. Sarei davvero felice se Silvio Berlusconi uscisse dagli impedimenti e fosse in condizione di ritornare pienamente alla politica. Ne sarei felice per lui e per tutta l'Italia. E sono assolutamente certo che nei prossimi giorni saprà dare un contributo determinante alla campagna per il No, in tv e in tutti i modi in cui sceglierà di farlo. Detto questo dobbiamo tutti guardare avanti. Non possiamo ripresentarci agli italiani nello stesso modo in cui lo abbiamo fatto sempre. Il che significa che chiunque voglia sfidare il Pd alle prossime elezioni dovrà avere la piena legittimazione degli italiani.

    RispondiElimina

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)