PRIMA IL CITTADINO. LA TUA OPINIONE CI STA A CUORE PIÙ DI OGNI ALTRA NOTIZIA.

In un Paese rimasto al 'verde', pure le Gazzelle dei Carabinieri si tingono di... 'verde'!

L'Italia cambia verso? Certo che no, ma il colore della 'Gazzella" dei Carabinieri quello sì. E se un tempo eravamo abituati e rassicurati nel vedere per strada quelle auto colore blu notte, con la targa CC e il numero 112 impresso sulla carrozzeria che le rendeva inconfondibili, a breve qualche dubbio potremmo averlo perché in strada vedremo sì le stesse auto, ma 'verdi'. E non perchè i Carabinieri sono rimasti al verde senza più un goccio di benzina nel serbatoio o perchè in preda ad una botta evergreen,
e nemmeno perchè Matteo Salvini si è svegliato una notte di soprassalto per rifare di 'verde' il look alla Benemerita, ma perchè il governo dell'altro Matteo, Renzi per l'appunto, ha pensato di incorporare la Forestale nell’Arma dei Carabinieri, dando così vita alle Gazzelle "verdi". Nelle foto si vede un’Alfa Romeo 'verde' che ricorda le vetture in dotazione alla Forestale. Ma sulla fiancata reca la scritta Carabinieri. E se ciò non bastasse a confondere il cittadino, il numero delle emergenze riportato non è il 112, ma il 1515, quello che solitamente si chiama in caso di incendi. Per finire l'opera, sulla targa si legge Cfs e non CC. D'altra parte in un Paese sempre più povero e depresso il verde è il colore della speranza, la speranza di non restare al 'verde' per tutta la vita!

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)