Leopolda, il congresso della casta che comanda l'Italia.

di Luca Telese. Il congresso della casta e i cori ultras. Era iniziata come l'adunata dei talenti, come un convegno di futorologia sull'Italia che verrà. Ma ieri la settima Leopolda sembrava il congresso della Casta, una adunata di Ultras che con toni da stadio - come ha detto il leader della minoranza Dem - Roberto Speranza - scandiscono cori contro chi nel Pd si oppone a Matteo Renzi e gridano: "Fuori! Fuori!". Sette anni fa la Leopolda era il palcoscenico di un gruppo di ragazzi
impegnati in politica, di intellettuali di successo, e di outsider che tentavano un assalto al cielo all'insegna dello slogan "Cambiamo L'Italia". Ambiziosi o coraggiosi, questo era lo stato d'animo, la condizione corsara, il sentimento. Oggi, in quella stessa sala, in mezzo ai tavolini allestiti come in un raffinato caffè del centro, c'è la nomenclatura che governa l'Italia, e che alza la voce per auspicare una purga di partito, che si radicalizza nell'invettiva contro una parte della sinistra. Ma poi c'è lui, il leader, Matteo Renzi. Sette anni fa era un Golden boy simpatico è capace di accendere speranze, oggi sembra un capotribù che difende il proprio territorio con rabbia e furore. Sul Corriere della Sera, Oscar Farinetti, uno degli uomini più vicini al premier, gli offre una sorta di precetto: "Gli consiglio di non cadere nella sindrome del primo della classe. Anche perché a volte risulta antipatico, anche quando dice cose vere". Secondo il patron di Eataly (che è anche uno dei suoi migliori amici) il premier dovrebbe rivelare le sue paure e i suoi timori. E in caso di sconfitta al referendum avrebbe solo una via: "Si dimette e si riparte, quante volte è capitato?". Ieri sembrava che tutta quella rabbia e quei cori fossero soprattutto una invettiva contro questa eventualità. Il Matteo che è andato ospite da Giovanni Minoli, infatti, sembrava un altro, sembrava davvero il capo della curva orgoglioso della sua forza barbarica: "Sono talvolta troppo cattivo, troppo arrogante, e anche troppo impulsivo". Minoli, quasi stupito: "E come lo combatte?". Renzi: "So che sono simpatici i buoni, però... è un esercizio quotidiano faticoso, dovrei essere meno cattivo, lo so". Mica male. Forse il Renzi dei cori e quello della "cattiveria" confessata a Minoli con un momento di trasparenza sublime al confine tra la vanità e la sincerità, il Renzi "disperato e rabbioso" per i cattivi sondaggi che carica il suo popolo contro il nemico e grida dal palco della Leopolda che non ci saranno "governicchi" (cioè senza di lui) è allo stesso tempo la soluzione del problema, ma è anche il problema. È un Renzi che segue le proprie orme, ripercorre il grido di guerra che lo ha portato portato al potere, ma non si rende conto che dovrebbe cambiare passo. Non puoi fare l'antipolitica quando sei seduto nel Palazzo, non puoi chiamare ad una guerra Santa contro gli infedeli, nel partito, da una sede che - fra l'altro - non è nemmeno di partito. La grazia di stato è - nel migliore dei casi - il sentimento che consente ad un leader di accogliere anche chi è lontano da se, di aumentare il suo grado di rappresentanza. Il coro gridato della Leopolda, con gli ex ragazzi, oggi tutti impiegati con stipendi a sei zeri nello stato e nel parastato, anziché aprirsi alla saggezza mostrano la grinta, esibiscono "cattiveria". Potrebbero vincere anche così, ma questo rende il voto del 4 dicembre una roulette russa. Con la cattiveria si può vincere, infatti, ma è molto difficile governare.

2 commenti:

  1. Fuori fuori? I leopoldini possono risparmiarsi il fiato, vanno già fuori parte dei nostri. Io sto cercando di tenerli dentro, ma se segretario dice fuori fuori bisognerà rassegnarsi. Ho provato una grande amarezza. Mentre i leopoldini urlavano fuori fuori, a Monfalcone, da sempre carne nostra, abbiamo preso batosta storica dalla Lega perché molti dei nostri non hanno votato. Io non c'ho dormito, non so altri. Vedo un partito che sta camminando su due gambe, l'arroganza e la sudditanza. Cosi non si va da nessuna parte. Io non voglio niente se non parlare. Nel Pd ci vuole libertà, autonomia, schiena dritta, pensiero, democrazia: non chi vuole arroganza e sudditanza. Mi impressiona che tutti gli altri stiano zitti. Sul tema della Costituzione non esiste una disciplina di partito. Questa storia che il Pd fa tutto da solo si sta dimostrando debole, abbiamo perso tutti i ballottaggi. Bisogna costruire un area ulivista di centrosinistra, il Pd deve essere una infrastruttura non può essere il pigliatutto con la logica de comando. Il segretario deve dare indicazione poi ognuno sceglie con propria testa. Un partito che è al governo e ha la maggioranza in Parlamento e pone la fiducia sull'Italicum non può certo cavarsela con un foglietto fumoso. Penso che Renzi voglia tenersi mano libere, altrimenti ci sarebbe stato qualcosa di serio. Il 'no' al referendum è un modo per far saltare l'Italicum, il resto sono chiacchiere. Su quel foglietto c'è scritto stai sereno, ma io voto no. Mi preoccupa l'incrocio tra il referendum e l'Italicum, con un 'governo del capo' e parte del Parlamento nominato. Non sto parlando di noccioline. Non posso tollerare questo rischio con conseguenze gravissime, mi spiace. Al congresso del Pd porro' il problema della separazione della leadership del partito con la guida del governo.

    RispondiElimina
  2. Più andiamo avanti e più è evidente che i leader del fronte del No usano l’appuntamento del 4 dicembre per tentare la spallata al Governo. Vogliono tornare loro a guidare il Paese e si rendono conto che questa è l’ultima chance. Ecco perché da Berlusconi a D’Alema, da Monti a De Mita, da Dini a Cirino Pomicino fino a Brunetta, Grillo e Gasparri stanno tutti insieme in un fronte unico. Provate a chiedere loro su cosa andrebbero d’accordo: su nulla, probabilmente. Solo sul dire no.
    Ma l’Italia non si cambia con i no. L’Italia non va avanti seguendo chi sa solo criticare gli altri senza proporre un’alternativa. Ecco perché ogni giorno di più il referendum diventa un derby tra futuro e passato, tra speranza e nostalgia, tra chi vuole cambiare e chi preferisce non cambiare nulla.
    Stavolta possiamo davvero liberarci della maledizione del Gattopardo. Ma perché ciò accada è fondamentale che tante persone si mettano in gioco.
    Chi può darci una mano creando un comitato, lasciando un contributo economico anche piccolo, iscrivendosi al gruppo dei volontari digitali o organizzando qualche iniziativa in casa con gli amici lo faccia accedendo al sito www.bastaunsi.it

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)