Aumentano trapianti e donazioni, Italia prima in Europa.

I dati forniti dal Centro nazionale trapianti (Cnt), confermano la leadership italiana in Europa in fatto di trapianti e donazioni d'organo. Sono stati eseguiti 3.268 trapianti, contro i 3.002 del 2015 e il totale dei donatori d'organi è stato di 1.260, contro i 1.165 dello scorso anno. La principale novità riguarda le donazioni da vivente, che già nel 2015 hanno registrato un incremento del 20,4% rispetto all'anno precedente.
In particolare quelle di rene (da vivente) hanno raggiunto un vero e proprio record, superando per la prima volta la soglia dei 300 prelievi (+56,8% rispetto al 2012). Sul fronte delle donazioni d'organo da cadavere, invece, i livelli di opposizione sono ancora troppo elevanti, intorno al 30-32%, a dimostrazione del fatto che c'è ancora un grande gap culturale da colmare. "Con la nascita, nel novembre del 2013, del Centro nazionale trapianti - ha dichiarato il direttore del Cnt - siamo attivi ormai in tempo reale, lungo l'arco delle 24 ore, e riceviamo dalle Regioni le segnalazioni di tutti i donatori d'organo, esaminandone idoneità e rischio di trasmissione di malattie. Seguiamo l'assegnazione di ciascun organo, sia che venga destinato a un programma nazionale, sia alle liste regionali, sino alla fase del trapianto. Anche i trasporti di organi, equipe e pazienti sono monitorati dal Cnto attraverso un collegamento costante con le Regioni. Il cammino dei trapianti è un pò claudicante perchè la gamba più forte è quella sociale mentre quella sanitaria appare ancora debole. Per questo l'obiettivo è quello di considerare la donazione di organi e tessuti come un'attività sanitaria di cui sono responsabili le direzioni degli ospedali, nel contesto di programma regionali e nazionali ben definiti". Il trapianto è ad oggi la miglior cura per l'insufficienza terminale d'organo. Rispetto alle terapie alternative e al supporto artificiale non solo rappresenta un vero e proprio salvavita, come nel caso del trapianto di cuore o del trapianto di fegato nell'epatite fulminante, ma determina anche una migliore sopravvivenza del paziente: nel caso del trapianto di fegato, si rileva una sopravvivenza dell'86% a un anno dall'intervento. Nel trapianto di rene, la percentuale di sopravvivenza a un anno è del 97,2%. Il trapianto di rene permette, inoltre, una sopravvivenza dei pazienti molto superiore a quella attesa in un paziente in dialisi: dopo il trapianto, il rischio di decesso è di oltre il 70% inferiore, rispetto ai pazienti di pari età in dialisi. Una migliore condizione clinica determina inoltre una migliore qualità di vita e, in molti casi, un ritorno all'attività lavorativa: il Cnt stima che l'89,9% dei pazienti italiani sottoposti a trapianto di cuore, l'78% dei trapiantati di fegato e l'89% dei trapiantati di rene, lavora o è nelle condizioni di farlo e quindi è pienamente reinserito nella normale attività sociale.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Mille euro per tutti!?

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!