Decorazioni natalizie naturali, il fai da te green a costo zero.

di Anna Simone. Natale è anche magia. E le decorazioni usate dai più per rendere natalizi appartamenti, uffici, strade e spazi pubblici contribuiscono a creare un’atmosfera unica. Un trionfo di colori caldi, forme che suscitano tenerezza e composizioni che concretizzano la bellezza a cui è impossibile rimanere indifferenti. Ora che il 25 dicembre si avvicina, è meglio iniziare a pensare a come abbellire le stanze della nostra casa, magari personalizzandole in chiave green.
Il fai da te offre numerosi spunti da cui partire. Noi abbiamo raccolto una rosa di idee ecologiche. Basta procurarsi rametti secchi, pigne, mandorle, nastrini, spaghi, ghiande, scampoli di feltro e aggiungere un po’ di fantasia, senza dimenticare un pizzico di entusiasmo. I rametti secchi sono piuttosto versatili in campo decorativo, ad esempio, unendoli a dei rametti di pino e legandoli entrambi con dello spago ai vasetti in vetro trasformano quest’ultimi in natalizi porta candele; disponendo una decina di rametti secchi su un foglio, in ordine di misura crescente, si può ideare un albero di Natale originale; intrecciando dei rametti secchi di vite si possono creare stelle da appendere in casa. Piccoli scampoli di feltro, di solito inutilizzabili, diventano essenziali per abbellire pupazzi con cappelli, sciarpe, guanti e così via; le pigne secche possono avere una seconda vita come decorazioni da fissare alle ghirlande oppure all’albero natalizio; le ghiande con il cappello legnoso possono diventare simpatiche decorazioni da appendere con nastrini rossi.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!