L'Artico si scioglie: molti i segnali che destano allarme.

di Alessandra Concas. Un cambiamento climatico imprevedibile e incontrollabile che non si limiterebbe al Polo Nord, determinato dallo scioglimento dell'Artico. A lanciare l'allarme è il rapporto "Arctic Resilience", scritto da undici organizzazioni tra i quali il Consiglio artico e alcuni atenei. Gli esperti hanno individuato dei cambiamenti considerevoli che ci sono stati o che ci potrebbero essere negli ecosistemi marini, di acqua dolce e terrestri dell'Artico,
causati dalle attività dell'uomo soprattutto con le emissioni di gas nell'atmosfera. Uno dei motivi di allarme è rappresentato da una crescita di vegetazione nella tundra, con le piante scure che assorbono calore a rimpiazzare la neve che riflette i raggi del sole, e un maggior rilascio di metano. Altri impatti, spiegano i ricercatori, sono la diminuzione del livello di ossigeno nel mare e la riduzione di specie ittiche fondamentali per la pesca artica, con effetti a catena sugli ecosistemi oceanici del mondo, e un cambiamento nella circolazione oceanica che condiziona il clima a livello globale. Secondo gli studiosi, non è molto noto come i cambiamenti interagiscano l'uno con l'altro. Se mutamenti multipli si rinforzano a vicenda, il risultato può essere potenzialmente catastrofico, e alcuni di questi cambiamenti potrebbero destabilizzare il clima regionale e globale.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!