PRIMA IL CITTADINO. LA TUA OPINIONE CI STA A CUORE PIÙ DI OGNI ALTRA NOTIZIA.

Acrilammide, la sostanza cancerogena in pane, caffè e patate.

Pane, caffè e patate, gli alimenti più diffusi nelle nostre tavole potrebbero essere molto pericolosi a causa della presenza dell'acrilammide, una sostanza che si forma negli alimenti amidacei durante la cottura ad alte temperature come frittura, cottura al forno e alla griglia e anche durante i processi di trasformazione industriale a oltre 120° C e bassa umidità. Il suo consumo va monitorato poiché in grado di aumentare il rischio di mutazioni genetiche e tumori. L'allarme è stato lanciato dalla Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, che in un rapporto valuta i livelli di acrilammide
e altre sostanze nocive nel cibo. Per capire di cosa si tratta basti pensare che quel buon odore del pane appena sfornato che sentiamo uscire dai panifici è dovuto a una reazione chimica tra amminoacidi e zuccheri che avviene ad alte temperature e che produce proprio l’acrilammide. La sostanza si produce naturalmente durante la cottura anche durante i processi di trasformazione industriale a oltre 120° C e bassa umidità. L'Efsa ha dichiarato che la dose accettabile per l'organismo umano di acrilammide è pari a 1 microgrammo al giorno: si tratta di un valore che possiamo trovare in 1 grammo di patate chips, 3 grammi di patate fritte o al forno o 4 grammi di biscotti. Dopo la scoperta della sostanza cancerogena le industrie alimentari si sono date da fare per ridurne il più possibile le quantità nei cibi, ma restano dei prodotti ancora a rischio, come per esempio i sostituti del caffè (orzo e cicoria tra gli altri).

Nessun commento:

Posta un commento

freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

freeskipeer si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)