La riduzione del numero dei parlamentari? Yes We Can.

di Gaetano Quagliariello. Non appena la maggioranza avrà ultimato i suoi giochi per assegnare la presidenza della Commissione Affari Costituzionali del Senato dopo la nomina a ministro di Anna Finocchiaro, vi è un disegno di legge il cui esame dovrà avere la priorità su tutti gli altri: quello per la riduzione del numero dei parlamentari (da 630 a 400 i deputati e da 315 a 200 i senatori) e lo snellimento del procedimento legislativo bicamerale. La proposta, di cui sono primo firmatario e della quale martedì ho chiesto formalmente la calendarizzazione urgente in Commissione,
è stata presentata nel pieno della campagna referendaria ed è stata sottoscritta da parlamentari di tutti i gruppi ad eccezione dei verdiniani di Ala e del Movimento Cinque Stelle. Sul fronte grillino, tuttavia, il collega Crimi ha manifestato disponibilità a un esame congiunto dal momento che una proposta simile è depositata in Senato anche su iniziativa del M5S. Difatti, quando in Commissione ho richiamato questa disponibilità, i rappresentanti pentastellati non hanno avuto nulla da obiettare. A sostegno del disegno di legge, che in soli sei mesi può essere realisticamente approvato, vi sarebbe dunque un'ampia maggioranza parlamentare. Chi, da riformista, il 4 dicembre si è schierato per il No, conducendo questa battaglia darebbe il segno di voler andare avanti. E noi intendiamo condurla, non soltanto nel palazzo ma anche e soprattutto nel Paese. Chi ha invece sostenuto il Sì, quantomeno ha il dovere dire cosa ne pensa. In ogni caso, se in questo scorcio di legislatura riuscissimo a consegnare all'Italia una legge elettorale equilibrata e funzionante e un sistema parlamentare meno ipertrofico, daremmo un poderoso contributo alla credibilità della politica. Sappiamo bene che la riduzione del numero dei parlamentari non è "la" riforma e non esaurisce l'esigenza di una ragionata modernizzazione di cui le nostre istituzioni continuano ad avere bisogno. Ma può essere un primo passo per riaprire il cantiere e salvare il riformismo dal dissennato sperpero compiuto da chi ha gettato a mare la possibilità di una buona riforma che fosse anche condivisa nell'illusione di perpetuare e rafforzare per questa via il proprio potere.

Commenti

Anonimo ha detto…
Senatore quagliarello
non sono un elettore della sua area ,sono di csx, ho votato NO e come avete detto si dovrebbe da subito ridurre il numero dei parlamentari , abolire il CNEL ed altre cose del genere per ridurre i costi mantenendo un buon sistema democratico.Sono calabro-altoatesino , con i risparmi si potrebbero fare scuole al Sud (in Alto Adige ci sono scuole che le altre regioni le possono sognare).Queste sono leggi che sono a sfavore di tutti i politici che cercano di mantenere il numero tale per mantenere in vita l'industria dei politici. Le proposte in generale fatte dai politici riguardano sempre gli altri :esempio i 5 stelle propongono il taglio dei vitalizi perchè non li riguardano Le do atto che non è il suo caso . Porti avanti tutti i tagli e si guadagni la stima dei cittadini italiani :avete promesso Lei , D'Alema ed altri del no di portare avanti questo .
Cordiali saluti
Aldo Cama calabro-altoatesino

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!