Roma riparte col MoVimento 5 Stelle.

di Virginia Raggi. Per un cittadino poter guidare la propria città, la propria squadra di consiglieri ed assessori è per prima cosa un onore. Certo è una città difficile, ci sono responsabilità che conoscevamo prima di candidarci e siamo comunque pronti a farcene carico come stiamo già facendo. Ci siamo tutti assunti un compito molto complesso che è quello di guidare questa città,
che è in una situazione difficile è sotto gli occhi di tutti, guidarla per rinascere. E ciascuno di noi si sta facendo carico di un pezzetto di questa responsabilità. Si può dire se una persona sia capace o meno di guidare una macchina nel caso avesse una macchina pronta a partire. Io mi sono seduta su un sedile poggiato su un telaio, non ho trovato il volante, non ho trovato i pedali, non ho trovato il cambio: oggettivamente la macchina amministrativa di Roma è uscita fuori da Mafia Capitale a pezzi. Dobbiamo far ripartire la macchina. Lo abbiamo sempre detto, noi rifiutiamo la logica dei 100 giorni. Dare una mano di bianco per far vedere ai cittadini che si è subito attivi spesso non paga perché quella mano di bianco è fatta con una vernice scadente oppure con una procedura che non va bene o soprattutto con costi maggiori che ricadono sulle amministrazioni future. Noi adesso stiamo riconoscendo e pagando dei debiti che hanno fatto le amministrazioni precedenti.

Commenti

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!