Roma riparte così...

di Andrea Mazzillo, Assessore al Bilancio del Comune di Roma. #RomaRiparte cominciando a tagliare gli sprechi che nessuna amministrazione, prima di noi, ha mai voluto vedere e che hanno generato quel mostruoso debito che sconteremo per anni. Riparte stanziando più risorse per i servizi ai cittadini e per gli investimenti mirati a uno sviluppo sostenibile della città. Oggi la Giunta Capitolina ha approvato gli emendamenti allo schema di Bilancio
di previsione 2017-2019 e al Documento unico di programmazione (Dup). Il bilancio integrato oggi dalla Giunta rispetta dei principi irrinunciabili per la nostra amministrazione. #RomaRiparte dalla lotta agli sprechi, di cui abbiamo iniziato a individuare la dimensione: pur nelle ristrettezze di un bilancio ereditato dal passato, siamo riusciti a tagliare 40 milioni di euro di spese legate ai costi della macchina amministrativa e degli organi istituzionali. #RomaRiparte dalla legalità, intesa come certezza delle risorse da spendere, trasparenza dei conti e rispetto degli equilibri finanziari; #RomaRiparte dall’equità, perseguita grazie a 60 milioni di euro in più per il sociale e a un primo segnale, con la riduzione della tariffa sui rifiuti, di abbassamento delle tasse che i romani pagano più degli altri cittadini italiani a causa dei debiti lasciati dalla vecchia politica. #RomaRiparte, infine, da uno sviluppo sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico e offra alla città i servizi e le opere che i cittadini aspettano. L’emendamento al bilancio contiene una manovra da 81 milioni di euro per finanziare spese e servizi. E ulteriori 110 milioni di euro che portano il piano investimenti complessivo per il prossimo triennio a 580 milioni di euro, con un attenzione particolare ai trasporti e alla mobilità. Si tratta di un primo passo, ne siamo consapevoli. Ma forse del passo più importante. Quello che serve, appunto, per fa ripartire Roma. 
_____________________________________________________________________________
CONTI CAPITOLINI, ATTO SECONDO, DOPO LA PRIMA BOCCIATURA. Gli assessori al Bilancio, alla Mobilità e al Sociale, Andrea Mazzillo, Linda Meleo e Laura Baldassarre, hanno presentato il bilancio previsionale per il 2017-2019. Si tratta di una manovra, varata dalla giunta della sindaca Virginia Raggi, da 81 milioni di spesa corrente per il 2017, all’interno di un bilancio complessivo da circa 5 miliardi di euro. Ammonta a 110 milioni di euro il piano di investimenti nel prossimo triennio, concentrato soprattutto su mobilità e sociale. Riparte così l’iter finanziario del Campidoglio, dopo la bocciatura dell’Oref a metà dicembre. L’organismo di controllo dovrà esprimersi nuovamente sul bilancio. Le opposizioni hanno chiesto ieri tempo per poterlo analizzare. La manovra, sui capitoli relativi alle aziende partecipate e al patrimonio immobiliare, parla genericamente di «valorizzazione», senza affrontare vendite o dismissioni.
Capitolo trasporti. Su questo settore, per il triennio, vanno 430 milioni di euro di investimenti, 80 dei quali aggiunti dell’emendamento approvato ieri in giunta. Buona parte di queste risorse, 297 milioni, sono stanziamenti già previsti per completare il tracciato fondamentale, fino al Colosseo, della Metro C. Altri 87 milioni vanno al piano per la mobilità sostenibile che prevede l’acquisto di 60 nuovi autobus (20 milioni), il Grab per le biciclette (8,3 milioni da fondi governativi), 12,7 milioni per le piste ciclabili, tra cui un nuovo collegamento su via Tuscolana. Con 15,3 milioni l’amministrazione punta a completare i corridoi della mobilità Eur-Tor De Cenci e Eur Tor Pagnotta.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)