Tempi bui.

Il 2016 è stato un anno da dimenticare assieme a tutti quegli altri anni, troppi, che hanno visto al governo del Paese gente… 'inadeguata'. E gli italiani, gli italiani onesti e per bene, quelli che campano di stipendio e pensione, senza impicci e senza imbrogli, hanno toccato con mano
gli effetti nefasti di una classe dirigente fallimentare che ha pensato solo al proprio tornaconto personale e a portare acqua al mulino dei soliti noti contribuendo ad ingrassare coloro che già scoppiavano di ricchezza, lasciando il resto d’Italia con le tasche vuote e a fare i conti con l'aumento dell'imposizione fiscale e della disoccupazione, con gli stipendi più bassi d’Europa, con un sistema previdenziale che premia i furbi e penalizza i lavoratori e con centinaia di piccole e medie imprese che ogni giorno sono costrette a chiudere bottega. Oggi, grazie a lorsignori, ci ritroviamo tutti più poveri! Siamo tra i primi al mondo per il nostro debito pubblico, salito alle stelle, e per un indice di corruzione che non conosce eguali nel resto del pianeta! Oggi siamo più poveri di ieri. Siamo il fanalino di coda dell’Eurozona. Un triste record di cui faremo volentieri a meno. Fino a qualche tempo fa eravamo ‘ceto medio’, eravamo cittadini che potevano condurre una vita magari non particolarmente agiata, ma quantomeno normale. Lavoravamo, riuscivano pure con qualche sacrificio a mantenere una famiglia e a mettere qualche soldo da parte e qualcuno di noi era persino riuscito a comprarsi una casa! Poi il buio, il baratro, l’assassinio del ceto medio, e un susseguirsi di governi non eletti che ci hanno fatto ritrovare senza più un lavoro sicuro, con la casa che se la sono ripresa le banche e con tante famiglie costrette a bussare alle finanziarie se non addirittura alla Caritas per un pasto caldo. Questa è l’Italia che ci hanno infiocchettato per le feste. Ma è per davvero questa l’Italia che ci meritiamo?

Commenti

Lara ha detto…
Dobbiamo avere il coraggio di liberarci di di tutti i ladroni che stanno al governo .non si può accettare di vedere persone che cercano nei cassonetti. è terribile. sono le banche la priorità. CHE VOMITO
fulvio rm ha detto…
D'accordissimo con te.... ma come farlo? Abbiamo votato di recente ma non è cambiato nulla e a Roma dove abbiamo eletto i 5stelle va tutto a rotoli come e peggio di prima!!!!
Anonimo ha detto…
Con le famiglie sempre più indebitate e più povere, i governi non eletti che cosa hanno fatto? Si sono preoccupati di salvare le banche con i nostri soldi. Hanno rafforzato i poteri delle lobby, in modo da renderle più ricche. Le multinazionali sono diventate via via sempre più potenti. Pochi ricchi sempre più ricchi, moltissimi poveri, sempre più poveri. Come se non bastasse ci stanno sommergendo di immigrati, con la scusa che ci pagano e ci pagheranno le pensioni, togliendo lavoro agli italiani, è ovvio che lavorando loro saranno loro a pagarsi le loro pensioni. E' ora di dire basta. Diamo potere alle famiglie, ai giovani che sono il nostro futuro. Potere di scelta, di acquisto di mettere su famiglia. Abbattiamo i corrotti, liberiamo le strade alla gente onesta e operosa che ama la nostra bella Italia.
solange ha detto…
Facciamoli vivere con mille euro al mese come fanno con noi epoi vediamo quanto resistono!
NOsaviaNO ha detto…
Saviano vuole sindaci africani al sud? Mandiamolo in Africa!
nando ha detto…
Era meglio quando stavamo peggio. Questi ci stanno facendo rimpiangere Andreotti, Craxi e Forlani!
lo zio ha detto…
...un momentaccio per tutti, ma non per 'loro'!!!!

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE

Cronaca di un ‘ceto medio’ che non c’è più.

Mille euro per tutti!?

Roma Capitale, #alberiperilfuturo. E per Via Savona!?

Il carabiniere cade, gli antifascisti lo pestano.

Lo zoo nell’urna, dal giaguaro smacchiato di Bersani al panda carnivoro di Grillo passando per altre 'bestiali' amenità.

La globalizzazione del lavoro al minimo sindacale.

San Remo. L'Italia, ingabbiata dalla crisi, non canta per amor, canta per rabbia!